Elezioni a Baronissi, il candidato Galdi: “Forte impegno per il sociale, nessuno resterà indietro”

luca galdi

Il candidato sindaco di Baronissi Luca Galdi, nel corso di un incontro con la cittadinanza ha sottolineato l’impegno del proprio programma nelle politiche sociali

Messaggio elettorale a pagamento commissionato da Carmine Vicinanza

«Attueremo politiche sociali forti per contrastare il disagio sociale presente sul nostro territorio. Nel nostro programma abbiamo inserito strumenti e iniziative dedicati ad anziani, bambini, disabili, immigrati e giovani». Così il candidato sindaco di Baronissi, Luca Galdi durante un incontro con la cittadinanza. «Baronissi dovrà seguire il suo destino di città dell’inclusione, dell’integrazione e della valorizzazione – ha spiegato Galdi -. Valori indispensabili per una comunità e sui quali abbiamo scelto di orientare il nostro impegno politico-amministrativo. Chi governa non deve mai lasciare solo un cittadino che sta attraversando un momento di difficoltà.

Fondamentali saranno le politiche a tutela della donna – prosegue Galdi –. Incentiveremo i servizi alle famiglie per permettere a tutti i bambini di svolgere attività pomeridiane, sostenendo materialmente le famiglie che per motivi di lavoro non possono. Abbiamo previsto anche l’istituzione di un fondo comunale per l’anticipo dei contributi regionali sui libri. In programma c’è l’apertura di un centro di ascolto per fornire a famiglie e imprese in difficoltà gli strumenti del sistema finanziario utili per una sana gestione del proprio patrimonio. Intendiamo coinvolgere le persone diversamente abili in attività ludico-educative e di pet therapy. Rafforzeremo i centri d’incontro per anziani e predisporremo un servizio di accompagnamento per soddisfare le loro esigenze medico-sanitarie. Creeremo anche un albo badanti e assistenti anziani affinché i cittadini possano avere un punto di riferimento».

Questa sera alle ore 19, il candidato sindaco Luca Galdi proseguirà la sua campagna elettorale con il comizio in piazza Trivio ad Aiello.