HomeAttualitàCava, lanciata petizione per le dimissioni del Sindaco Servalli

Cava, lanciata petizione per le dimissioni del Sindaco Servalli

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
74,775
Totale Casi Attivi
Updated on 24 October 2021 19:28
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Cava de’ Tirreni: lanciata petizione online per le dimissioni del Sindaco Vincenzo Servalli e della sua Giunta. Di seguito tutte le info

Il gruppo consiliare e il direttivo cittadino di Fratelli d’Italia ha lanciato una petizione su change.org (clicca qui per firmare) per le dimissione del Primo Cittadino di Cava de’ Tirreni Vincenzo Servalli. La petizione online potrà essere firmata da qualsiasi cittadino intenda dimostrare il proprio dissenso nei confronti di questa amministrazione e chiedere che venga svoltata pagina, andando a nuove elezioni.

“Il parere negativo espresso dal collegio dei revisori in ordine al bilancio di previsione 2021 -2023, semmai ve ne fosse ancora bisogno, non lascia più alcun dubbio circa il fallimento politico e amministrativo della maggioranza targata Servalli, scrive Fratelli d’Italia. Nonostante l’aumento esponenziale dei tributi locali il bilancio preventivo non ha raccolto il parere favorevole dei revisori, il che lascia immaginare una situazione economica e finanziaria ben più grave di quanto prospettato.

Continua Fratelli d’Italia: A questo punto il Sindaco deve avere un sussulto di dignità, rassegnando le dimissioni unitamente alla sua giunta . Il. Gruppo consiliare e il direttivo cittadino di Fratelli d’Italia invitano il sindaco a rimettere immediatamente il suo mandato, evitando che la città si sottoponga ad inutili e dannosi sacrifici che non farebbero altro che aggravare ulteriormente il tessuto economico e sociale già fortemente provato dalla crisi economica dovuta alla pandemia.

A tal fine, lanciamo una petizione online che potrà esser compilata da qualsiasi cittadino intenda dimostrare il proprio dissenso nei confronti di questa amministrazione e chiedere che venga svoltata pagina, andando a nuove elezioni”, conclude il gruppo consiliare.