HomeTerritorioCava de' TirreniCava de' Tirreni, aumenta l'imposta dell'Irpef

Cava de’ Tirreni, aumenta l’imposta dell’Irpef

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
402,802
Totale Casi Attivi
Updated on 6 May 2021 23:12
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Nel corso del consiglio comunale di Cava de’ Tirreni, svoltosi nella giornata di ieri, l’Amministrazione Servalli ha imposto l’aumento dell’Irpef

Cava de’ Tirreni – L’aumento dell’Irpef, deciso dall’Amministrazione guidata da Vincenzo Servalli, nella giornata ieri nel corso del Consiglio Comunale, ha causato il malcontento tra i banchi della minoranza.

“L’Amministrazione aumenta le tasse”

La nota dei consiglieri di Siamo Cavesi: Marcello Murolo, Raffaele Giordano e Vincenzo Passa.

Da anni denunciamo come i cittadini cavesi siano costretti a pagare, in senso figurato, il prezzo dell’incapacità dell’amministrazione Servalli. Ora questa incapacità ha anche un costo concreto: ieri, in Consiglio comunale, è stato approvato l’aumento dell’aliquota di compartecipazione all’addizionale comunale Irpef. I cittadini con redditi superiori a 8mila euro dovranno pagare l’aliquota massima dello 0,8%, prima riservata ai possessori di redditi superiore ai 75mila euro. Di fatto, il Comune di Cava ha scelto di adottare il modello della flat tax, con la particolarità, però, di aver imposto l’aliquota più alta per tutti, ad eccezione di quanti rientrano nell’area non tassata. Ampie fasce della popolazione con redditi bassi dovranno, a conti fatti, versare molto di più rispetto al passato. Una stangata che è ancor più pesante perché arriva in un momento in cui la crisi economica, figlia della pandemia, sta mettendo in grossa difficoltà anche le famiglie cavesi.

Servalli e la sua maggioranza hanno giustificato il provvedimento con la necessità di recuperare risorse per le casse comunali. In questo modo hanno manifestato la consapevolezza della propria incapacità di gestire, altro che agire secondo il criterio del “buon padre di famiglia” che dovrebbe essere proprio di ogni amministratore pubblico. Ammettendo, di fatto, di non essere in grado di operare una seria revisione della spesa e meno ancora di avviare un rigoroso recupero dell’evasione, sono ricorsi all’unica scorciatoia che conoscono: mettere le mani nelle tasche dei cittadini onesti che già pagano le tasse.