Ventura: “Quattro punti lasciati al 93′ sono tanti”



ventura

Dopo il pareggio beffa contro il Perugia mister Ventura è stizzito: “Dobbiamo riflettere sui numeri ma non si parli di paura di vincere”

La Salernitana pareggia 1-1 contro il Perugia e come contro il Frosinone vede sfumare nel finale la possibilità di tornare al successo tra le mura amiche. Al termine della gara il mister granata Giampiero Ventura è scuro in volto: “Sono rammaricato, a differenza della gara con il Frosinone. Al 93′ di entrambe le partite abbiamo preso gol, con quei 4 punti in più saremmo stati primi in classifica. Avevo accettato il pareggio con il Frosinone perché non avevamo fatto bene, oggi invece ho più rammarico anche perché eravamo in emergenza non solo per chi non c’era ma anche per chi è andato in campo”.

Ventura si dice comunque contento della voglia e della disponibilità del gruppo:Akpa è stato stoico a darmi la disponibilità, doveva rientrare con l’Entella e invece ha anticipato i tempi, Kiyine si è allenato poco in settimana e con Akpa è stato il protagonista dell’azione del rigore. Ho percepito grandissima disponibilità come sempre da parte del gruppo, se avessimo vinto nessuno avrebbe avuto da ridire. Va bene comunque, brutto aver lasciato 4 punti al 93’. Due sono abbastanza, quattro sono tanti. Questo è il calcio e va accettato. Ma non si parli di paura di vincere, siamo alla nona di campionato e ne abbiamo vinte quattro”. 

La vittoria in casa manca ormai dalla prima giornata: “Sono preoccupato per la mancanza di vittorie in casa e dei gol su azione, ci rifletterò. Nessuno discute le poche conclusioni in porta, se guardiamo i numeri dobbiamo analizzarli perché dicono determinate cose. Io però ho visto giocatori che hanno dato anche quello che non avevano da dare. Lombardi è entrato ed era già in affanno alla fine del ventesimo minuto che ha fatto. Molti hanno messo la faccia dietro e il cuore avanti, col rischio di fare brutte figure. Questo significa che qualcosa, a livello mentale, è stato fatto”.

Leggi anche