Spadare nel Golfo di Policastro



Spadare nel Golfo di Policastro: la sezione operativa navale della Guardia di Finanza ha effettuato due sequestri di attrezzi vietati a due pescherecci calabresi

I militari della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Salerno, nell’ambito della pianificata attività di polizia economico finanziaria sul mare e lungo la costa, disposta e coordinata dal Reparto Operativo Aeronavale di Napoli, hanno eseguito il fermo di due pescherecci della marineria calabra, operando il sequestro di due spadare ed  una tonnellata di pesce spada e tonno alalunga pescati di frodo.

Nella mattina del 7 luglio, gli equipaggi delle unità navali G. 88 La Malfa e G.211 Gottardi, durante un mirato servizio di perlustrazione di un’area di mare al largo del Cilento, hanno intercettato due pescherecci intenti ad eseguire attività di pesca illegale: uno dei due pescherecci è stato sorpreso proprio durante le operazioni di recupero di una rete da posta derivante, ovvero una spadara.

Spadare nel Golfo di PolicastroLe reti spadare, negli anni, hanno devastato la popolazione mediterranea di capodogli, un tempo comuni e oggi iscritti nella “lista rossa” delle specie ittiche minacciate. Per questo l’uso delle spadare è stato messo al bando per effetto di precise disposizioni della Comunità Europea fin dal 2002 (Reg. CE 1239/98); per comprendere il grave danno recato all’ecosistema marino dall’uso di questo tipo di attrezzo, occorre sottolineare la totale mancanza di selettività delle spadare in termini di varietà di specie pescate: l’obiettivo della pesca infatti, ossia il pesce spada adulto, rappresenta soltanto un quinto delle catture, mentre tutto il resto del pescato viene rigettato in mare morto o morente.

Un indagine effettuata, nei giorni precedenti, in tutti i porti della circoscrizione di competenza della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Salerno, che si estende dal golfo di Napoli al confine nord della Calabria.

Il fenomeno della pesca con l’uso di spadare non è episodico: i pescatori dediti a questo tipo di attività, provenienti anche dalle marinerie di altre regioni d’Italia, agiscono ormai con estrema prudenza, operando in gruppi di quattro o cinque imbarcazioni, delle quali due restano costantemente impegnate in attenta attività di “osservazione” per verificare l’eventuale arrivo di forze di polizia.

Nonostante tutte le precauzioni adottate, tuttavia, i pescherecci non sono riusciti ad evitare l’azione repressiva operata dai finanzieri che hanno prima intercettato e poi costantemente monitorato le imbarcazioni da pesca mediante sofisticate termocamere in dotazione alle unità navali operanti, un guardacoste classe “Bigliani” da 27 metri ed un guardacoste classe “Buratti” da 22 metri.

Per le infrazioni riscontrate, ai comandanti dei due motopesca, saranno irrogate sanzioni amministrative per un totale di dodicimila euro ciascuno oltre alla sottrazione dei punti sui titoli professionali. Mentre come di consueto, il pescato posto in sequestro, dopo aver passato il positivo giudizio di commestibilità da parte dei dirigenti veterinari dell’ASL di Salerno – distretto 66, è stato devoluto in beneficenza a sei diversi istituti caritatevoli della provincia di Salerno.

Leggi anche



Articolo precedenteMigranti in arrivo all’Hotel Fluminia
Prossimo articoloLa Solidarietà passa dallo screening al seno
Avatar
Classe 1986, specializzata con lode in Storia dell'Arte Contemporanea [cattedra di Carla Subrizi, La Sapienza] con la tesi “Trouble Every Day: Tous Cannibales, la voracità da tabù ad arte, dall’arte alla società”. Da sempre interessata all’arte come alla scrittura, e alla comunicazione in genere, scrive di cultura, politica e attualità. Storica dell’Arte, esperta SEO e freelancer per vocazione, attualmente collabora anche con Artribune e Tiragraffi Magazine. Da marzo 2013 cura un personale blog sull’arte: ArtFriche Zone. “Soltanto quando il senso di associazione nella società non è più abbastanza forte da dare vita a concrete realtà, la stampa è in grado di creare quell’astrazione, il pubblico” (Dwight MacDonald).