Salerno, Ravello, Maiori e Valva: tutto quello da vedere l’1 e il 2 giugno

salerno

Dai giardini della Minerva a quello Altieri di Salerno, passando per Ravello, Minori e Valva: tutto quello da visitare nel prossimo weekend

La Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio di Salerno e Avellino, diretta da Francesca Casule, aderisce alla manifestazione nazionale Appuntamento in Giardino in programma sabato 1 e domenica 2 giugno 2019, organizzata da l’APGI-Associazione Parchi e Giardini d’Italia con il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. L’iniziativa è stata presentata a Palazzo “Ruggi” a Salerno, nella sede della Soprintendenza.

L’incontro è stato coordinato da Michele Faiella, Funzionario e responsabile dell’Ufficio Stampa della Soprintendenza di Salerno e Avellino. Sono intervenuti: Anna De Martino, Funzionario e responsabile del settore Educativo Sabap; Rosa Maria Vitola, Funzionario e responsabile del settore Promozione Sabap; Vito Falcone, Sindaco di Valva; Bernardo Altieri; Responsabile del Giardino Altieri; Luciano Mauro, Direttore Giardino della Minerva; Maddalena Di Lorenzo, Funzionario Architetto della Sabap; Alfonso Bottone, Direttore In costiera amalfitana.

SALERNO – Giardino ALTIERI

Due giornate ricche di eventi previste nel giardino di casa Altieri  a cura della Soprintendendenza Archeologia, belle arti e paesaggio di Salerno e Avellino, delle Associazioni culturali Adorea e Hortus Magnus di Salerno. Il protagonista delle due giornate è il verde raccontato da Maria Antonietta Del Grosso e Vittoria Bonani che illustrano il giardino di casa Altieri e molti altri giardini del centro storico di Salerno attraverso la proiezione del video realizzato da Gaetano De Carlo e Vittoria Bonani, tratto dal libro Il verde antico e l’ampio Golfo di Salerno. L’Associazione Hortus Magnuspropone, invece, la proiezione del video del giardino di casa Farina in Coperchia (SA) e la presentazione della manifestazione salernitana Mostra della Minerva a cura di Rosanna Pugliese. Nella serata di sabato si tiene un concerto di musica jazz manouche a cura del gruppo Quasimanouche presentati dal giovane francese Hugo Boussemart, tirocinante presso la Soprintendenza. Domenica 2 giugno è allestita una mostra dedicata ai personaggi storici salernitani attraverso alcune opere di Renaldo Fasanaro – Maria Amendola e un percorso di Salerno nelle vedute degli acquerellisti inglesi del Settecento a cura di Vittoria Bonani.

Data Inizio: 01 giugno 2019
Data Fine: 02 giugno 2019
Costo del biglietto: gratuito
Prenotazione: Nessuna
Luogo: Salerno, Giardino di casa Altieri
Indirizzo: via Tasso, 5
Città: Salerno
Provincia: SA
Regione: Campania
Orario: 10.00 / 13.00 – 17.00 / 20.00; concerto sabato alle 18.30
Telefono: +39 089 318113
E-mail: rosamaria.vitola@beniculturali.it

SALERNO – Giardino della Minerva

Apertura 9.00 / 20.00
Orario attività 17.30
Visita guidata gratuita del direttore Luciano Mauro ore 17.30.
Ingresso 3 euro. Studenti 1,5
Info 089 252423 – info@giardinodellaminerva.it

MINORI (SA) – Giardino dei Limoni di Zio Tonino

Visita guidata al Giardino dei Limoni zio Tonino  appuntamento alle ore 18.00 presso la Chiesa di Santa Trofimena, Minori. Incontri d’autore in Piazzetta Chiesa San Michele, villaggio Torre: La terra delle Sirene di Gabriele CavaliereUtenze BloccateIrreperibili nell’Era Digitale. Il buio dei sentimenti non più connessi di Agnese Rumiano

Data Inizio:
 02 giugno 2019
Data Fine: 02 giugno 2019
Costo del biglietto:
Prenotazione: Nessuna
Luogo: Minori, Giardino dei limoni zio Tonino
Indirizzo: via Torre, 27
Orario: Apertura Giardino : 18.30 / 19.30 – Incontri d’autore : 19.30
Telefono:  348 9172439 – 089 877087
E-mail: rosamaria.vitola@beniculturali.it

RAVELLO (SA) – Giardini di Monsignor Imperato

Dal 23 settembre 2018 sono tornati fruibili i Giardini di Monsignor Giuseppe Imperato, collocati alle spalle del Duomo di Ravello, grazie all’intervento di recupero e valorizzazione curato dellaSoprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Salerno e Avellino e che ha interessato anche il restauro del Museo del Duomo. Nei Giardini, che un tempo venivano percorsi dai vescovi per recarsi dal palazzo vescovile alla cattedrale, è stata realizzata una zona a verde fiorito con essenze rampicanti, pergolato e roseti ad effetto macchia di colore e di profumi.
Nell’area sorgono anche un teatro e uno spazio destinato ad attività espositive.

Data Inizio:
 01 giugno 2019
Data Fine: 02 giugno 2019
Costo del biglietto:
Prenotazione: Nessuna
Luogo: Ravello, Giardini ‘Monsignore Giuseppe Imperato’
Indirizzo: Viale Richard Wagner, 4
Orario: dalle 10.00 alle 18.00
Telefono: +39 089 318113 – 089 857096
E-mail: rosamaria.vitola@beniculturali.it 

VALVA (SA) – Giardini di VILLA D’AYALA

La villa d’Ayala, detta castello, ha uno sviluppo planimetrico di circa 600 metri quadrati ed abbraccia la torre ed il contiguo cortile interno per una altezza massima di circa 20 metri per un totale di tre piani e un sottotetto. Il perimetro superiore del secondo piano e del sottotetto sono provvisti di merli e agli angoli sorgevano cinque torrette, crollate e demolite a seguito dei danni causati dal sisma del 1980. La Torre, denominata da alcune fonti Torre Normanna, è addossata al lato nord del Palazzo e rappresenta la preesistenza più antica del complesso.

Il Parco della Villa, cui si accede da valle, in prossimità del centro del paese, si sviluppa per una misura compresa tra i 17 e i 18 ettari ed è interamente circondata da mura.  Il suo disegno attuale è riconducibile ad una realizzazione del XVIII secolo e di quest’epoca presenta alcune caratteristiche tipiche. Il Parco si configura come un bosco ceduo misto, con una prevalenza di lecci, castagni ed aceri, di grande estensione e, come caratteristico dell’epoca, appunto, come bosco produttivo: esso è solcato da viali pressoché rettilinei ma che disegnano una scacchiera irregolare, dei quali alcuni ripercorrono i tracciati originali altri sono di epoca più recente. Il parco a funzione produttiva è poi caratterizzato da alcuni episodi verdi, laddove più forte emerge la traccia dell’intervento dell’uomo, che sono fondamentalmente i due giardini all’italiana, quello in prossimità dell’ingresso e quello di pertinenza del Castello, ed il Teatrino di Verzura.

Tutto il parco risulta disseminato di arredi quali fontane, statue, piccole architetture; di estremo interesse è il sistema di caverne e canali, probabilmente risalente ad epoca romana e con funzioni di incanalatura delle acque, che attraversa il parco nella sua estensione.

Per quanto attiene in particolare agli aspetti botanici, bisogna distinguere il grande parco da quelli che sono stati definiti episodi a carattere eccezionale. Il Parco, che occupa quasi la intera estensione della proprietà, può essere distinto, a sua volta, in zone a seconda della essenza prevalente. A questa caratterizzazione delle diverse zone del Parco si sovrappongono viali alberati, di volta in volta, con prevalenza di Platani, Aceri montani, Laurocerasi: sono inoltre osservabili esemplari isolati di essenze, inserite probabilmente nell’Ottocento e con finalità ornamentali, quali cedri, magnolie ed altri.

Data Inizio: 01 giugno 2019
Data Fine: 02 giugno 2019
Costo del biglietto: 5,00 €; Riduzioni: 3,00 € per gruppi (min 20 persone), 2,50€ soci FAI; Per informazioni +39 0828 796001
Prenotazione: Facoltativa; Telefono prenotazioni: +39 0828 796001
Luogo: Valva, Villa d’Ayala
Indirizzo: Corso Umberto I
Orario: 10.00-13.00/15.00-19.00
Telefono: +39 089 318113