HomeAttualitàSalerno, melma e fango nella piscina comunale: atleti sfrattati

Salerno, melma e fango nella piscina comunale: atleti sfrattati

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
456,149
Totale Casi Attivi
Updated on 1 October 2022 19:09
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

La piscina comunale “Vitale” di Salerno non versa in ottime condizioni dopo il forte temporale che si è abbattuto in città nei giorni scorsi

Non è in condizioni ottimali la piscina comunale “Vitale” di Salerno dopo il forte temporale che si è abbattuto in città e anche sulla provincia la scorsa settimana.

A segnalarlo è la giornalista Marina Chiaiese che, con un post su Facebook, ha denunciato la situazione: “Dalle bocchette di fondo sono fuoriusciti fango e melma. Gli atleti che da poco avevano ripreso gli allenamenti, dopo una breve pausa estiva, sono costretti a starsene a casa oppure ad appoggiarsi a qualche altra struttura nei dintorni.

Mi domando se qualche rappresentante delle istituzioni, in particolare qualche consigliere della IV commissione Sport-Politiche giovanili-Innovazione, presieduta da Gennaro Avella, abbia fatto un sopralluogo per rendersi conto dello stato della piscina e per risolvere il problema. Fino ad oggi non mi risulta. Tra l’altro questo sarebbe un lavoro straordinario dovuto ad una emergenza, ma la Piscina Vitale è carente da anni di una manutenzione ordinaria. L’unica piscina in città che ospita campionati di serie A e B, nonché campionati giovanili ha bisogno di un urgente restyling. Le società e le famiglie investono dei capitali. Le istituzioni cosa fanno? Il calcio non può essere considerato l’unico sport.

I nostri giovani, nonostante il cuore granata, scelgono anche altri sport che regalano altrettanti successi e soddisfazioni. Salerno ha cresciuto e formato anche campioni di altre discipline. Non può passare inosservato. Gli impianti sportivi (quei pochi) a Salerno sono quasi tutti in agonia da anni. Ma resta sempre la speranza che i nipoti dei nostri figli possano vedere un giorno il fatidico Palasport. Per ora sembra un’utopia“.