Salernitana-Lecce, Gregucci:” Manca qualcosa in mezzo e davanti”

Salernitana

Niente bis di vittorie per la Salernitana che cede il passo al Lecce ed al gelo dell’Arechi. “Soffriamo troppo l’umore del nostro pubblico”, è stato uno dei commenti di mister Gregucci

La Salernitana non bissa il successo e la prestazione positiva mostrata a Palermo, ma anzi crolla sotto i colpi del gelo dell’Arechi e del Lecce di mister Liverani.

Amareggiato e rassegnato dal risultato finale il trainer granata Angelo Gregucci che, analizzando il match in conferenza stampa, ha parlato di un
“approccio alla gara sicuramente non performante fin dall’inizio, perché già al 34esimo secondo abbiamo concesso un tiro che doveva essere evitato perché come al solito tendiamo a rintanarci troppo, e per questo bisogna lavorare prima muovendosi avanti almeno di trenta o quaranta metri e poi sulla testa dei ragazzi perché quando giochi all indietro, ed all’Arechi lo facciamo spesso, viene naturale che poi non crei nulla di pericoloso. Nel secondo tempo c’è stata una minima reazione con l’accorciamento delle distanze e qualche passaggio in più, ma sinceramente va detto che abbiamo fatto davvero molto poco. Io credo che al di là di gioco e schemi, bisogna lavorare prima sulla testa per avere quel salto di maturità che ci manca e perché nel calcio esistono ovunque le pressioni, ma se non sai gestirle non riesci mai ad esprimerti al meglio, ed a quanto parequesto si verifica soprattutto in casa perché qui la gente ti dà tutto ma se lo accusi trasformi l’entusiasmo del fortino in una tagliola.”

Immancabile la domanda sulla situazione relativa al calciomercato, riguardo cui il coach granata ha affermato di “avere innanzitutto l’ intenzione di puntare molto sui vari Bernardini, Di Gennaro, Schiavi e tutti gli altri infortunati che abbiamo in infermeria e che a mano a mano stanno tornando in gruppo. Va detto che a dispetto di quanto si crede è vero che restano ancora alcuni giorni prima della chiusura del mercato e posso dire che la società sa già come la penso e mi riferisco al fatto che devono essere fatte delle valutazioni perché sicuramente ci manca qualcosa a centrocampo ed in attacco. La mia preferenza è quella di giocare con tre calciatori offensivi, quindi o prendi qualcuno per avvallare questa idea oppure devi rivoluzionare tutto. Micai? Calciatore dal valore sempre indiscutibile.”