Risolta la questione servizi sociali: proroga per due mesi e nuovi assetti territoriali

C’era attesa per il coordinamento del piano di zona riguardo agli assetti e la programmazione dei servizi socio-sanitari. Sono stati ripristinati a partire da oggi, giovedì 17, tutti i servizi essenziali per un arco temporale di 60 giorni.

Ossigeno puro per le famiglie e per i destinatari, che fino a ieri hanno potuto usufruire dei servizi socio-assistenziali solo grazie ad un provvedimento straordinario delle associazioni “La Solidarietà” e “La Misericordia”, dopo le inutili azioni e polemiche della settimana scorsa, che non hanno intaccato l’effettivo esercizio del servizio trasporto disabili.

La decisione di prorogare le prestazioni per due mesi è giunta al termine del Coordinamento dell’Ambito S2 riunitosi nel pomeriggio di ieri a Baronissi.

«È stato un incontro positivo che ha fatto registrare unanimità d’intenti e grande condivisione programmatica e contabile – spiega il sindaco Giovanni Moscatiello – anche perché il nostro Ambito è uno dei pochi che ha sempre tenuto i conti in ordine, soprattutto in un momento difficile come questo».

Insomma, un felice esito che stronca ogni sorta di polemica e soprattutto ogni tipo di speculazione sui disagi ed i problemi di tante famiglie. I servizi riattivati sono i seguenti: trasporto disabili, assistenza scolastica, Centro famiglia affido e adozioni, telesoccorso, gestione rette per minori e anziani presso strutture, assistenze sociali presso i Comuni, ufficio di Piano, assistenza domiciliare integrata.

Nel corso del vertice dei Comuni dell’Ambito S2 sono stati affrontati anche altri argomenti all’ordine del giorno, fra cui il nuovo assetto dei Piano di Zona S2 destinato ad entrare in vigore dal 19 marzo prossimo secondo le linee-guida regionali.

L’attuale Ambito territoriale S2 verrà suddiviso in due macro-aree: il Piano di Zona S4 con Battipaglia capofila ed i Comuni dei Picentini; il Piano di Zona S6 con Baronissi che resta capofila ed i Comuni della valle dell’Irno.