HomeCulturaPiccoli Musei: ad Amalfi tra innovazione e digitale

Piccoli Musei: ad Amalfi tra innovazione e digitale

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
2,689,166
Totale Casi Attivi
Updated on 26 January 2022 6:33
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Il 5 e 6 novembre 2012 si svolgerà ad Amalfi il 3° Convegno nazionale dell’Associazione nazionale Piccoli Musei sul tema “Musei accoglienti: una nuova cultura gestionale per i piccoli musei”. L’incontro rappresenta un punto di confronto importante tra gli operatori del settore e quanti hanno a cuore le sorti delle migliaia di piccoli musei presenti in tutta Italia, custodi della cultura e delle tradizioni locali. L’obiettivo è proporre un modello gestionale che possa valorizzare le potenzialità di queste realtà e garantirne la sopravvivenza anche in un momento di significativi tagli alla spesa pubblica. “Mi auguro che tutti i piccoli musei del territorio Salernitano partecipino” spiega l’assessore alla Cultura della Provincia di Salerno, Matteo Bottone “Sarà l’occasione per instaurare un proficuo confronto e per avviare le basi di un’azione comune. Fare rete è la parola d’ordine per uscire dall’empasse imposta dalle contingenze economiche”.

Ricco il programma dei lavori, che prenderanno il via il 5 novembre alle ore 15 con i saluti istituzionali di Alfonso Del Pizzo, sindaco di Amalfi, Giorgio Tonelli, assessore alla Cultura del Comune di Castenaso, Daniele Milano, assessore alla Cultura di Amalfi, Matteo Bottone, assessore alla Cultura della Provincia di Salerno, Enrico Bottiglieri, presidente della Confesercenti Salerno. Previsto, inoltre, l’intervento di esperti che forniranno indicazioni sulla sfida digitale e sulle fonti di finanziamento. A fare gli onori di casa Giancarlo Dall’Ara, presidente dell’Associazione Nazionale Piccoli Musei.“Alle piccole, ma attive, realtà museali” conclude Bottone “la Provincia di Salerno offre di farsi portavoce delle legittime aspirazioni di crescita e si propone come capofila grazie alla recente istituzione di un sistema museale che abbraccerà tutto il territorio, dall’Agro Nocerino e dalla Costiera Amalfitana al Cilento e al Vallo di Diano”.