Ultima chance per la Salernitana: i granata sono chiamati all’impresa contro il Pescara, nonostante i precedenti a sfavore. Sarà un match dentro o fuori

Messaggio elettorale a pagamento commissionato da Carmine Vicinanza

L’ultima gara di campionato sarà decisiva per le sorti della Salernitana: per rimanere sicuri della permanenza in Serie B, i granata dovranno ottenere solamente la vittoria sul difficile campo del Pescara. All’Adriatico, infatti, servirà una vera impresa da parte degli uomini di Menichini; altrimenti le cose potrebbero prendere una brutta piega.

I precedenti

Sono 31 i precedenti ufficiale giocati tra Salernitana e Pescara allo Stadio Adriatico. Considerando le statistiche, i granata sono nettamente sfavoriti: contro gli abruzzesi, infatti, si contano 14 pareggi, 13 sconfitte e solamente 4 vittorie. Numeri davvero poco rassicuranti, visto e considerato l’unico risultato utile da ottenere. A sfavore anche il bilancio realizzativo, con 40 reti subite contro le 24 segnate.

Il primo scontro ufficiale tra le due formazioni risale alla stagione 1945/46: gli abruzzesi s’imposero con un dilagante 5-1 (il primo ed unico gol per i granata fu siglato da Margiotta). L’ultimo faccia a faccia, invece, risale alla stagione 2017-18. Anche in questo caso, il Pescara portò a casa i 3 punti grazie al gol all’80’ di Brugman.

Sabato pomeriggio servirà il sostegno di tutti i tifosi della Salernitana, così da completare al meglio una stagione completamente da dimenticare. Soprattutto se si pensa al tanto atteso centenario, ormai alle porte. L’incubo play-out, o addirittura della retrocessione diretta, è dietro l’angolo: all’Adriatico sarà vietato commettere errori. Ogni minimo particolare dovrà essere curato nei minimi dettagli, perchè servirà la partita perfetta contro un Pescara ancora non certo matematicamente dei play-off.