Ancora senza identità l’uomo travolto da un treno a Pontecagnano Faiano

Pontecagnano Faiano.  Ancora sconosciuta l’ identità dell’uomo che ha perso la vita domenica mattina scorsa, investito da un treno sui binari della stazione di Pontecagnano Faiano. Un episodio inquietante quello avvenuto l’altro ieri, nei pressi della scalo ferroviario della cittadina picentina, a cui gli agenti della Polizia ferroviaria di Battipaglia, diretti dall’ispettore Angelo Pironti, non riescono ancora a venire a capo.

Erano da poco passate le 11 quando la tranquillità dell’intera struttura è stata squarciata da un terribile avvenimento, classificabile come un vero e proprio giallo. Un uomo sulla sessantina, di origine italiana, con indosso una camicia chiara, un pinocchietto di colore verde e degli occhiali da sole, si è avvicinato ad uno dei binari dello scalo di Pontecagnano Faiano e, dopo qualche minuto, si è visto letteralmente trascinato via dal convoglio che, in piena corsa, l’ha travolto, uccidendolo sul colpo. Agghiacciante lo spettacolo offerto agli occhi dei tanti avventori che, in quel momento, si trovavano nei locali della stazione picentina.

Brandelli di corpo e resti dei vestiti sparsi su tutti i binari: è stato da brividi il contesto su cui hanno dovuto operare i volontari dell’Humanitas di Salerno e gli agenti della Polizia ferroviaria di Battipaglia, che hanno faticato parecchio per ripulire l’intera area dai resti, disseminati lungo le rotaie della stazione pontecagnanese. A dare l’allarme è stato, poco dopo le 11.40, il macchinista di un treno merci diretto in Calabria. Non si conosce ancora l’identità dell’uomo, visto che, al momento dello scontro con il treno, il 60enne non aveva con sé alcun documento di riconoscimento.

In queste ore gli agenti della Polfer battipagliese, per cercare di dare un nome alla vittima, hanno inserito i dati fisici del 60enne nello SDI, il Sistema D’Indagine Interforze, banca dati unica, dove i vari tipi di informazioni vengono esaminate in un solo formato da tutte le forze di polizia. Attraverso questo strumento gli inquirenti stanno passando al setaccio tutte le denunce di scomparsa effettuate nelle ultime ore in tutta Italia, per risalire così all’identità dell’uomo. La salma intanto, dopo l’autopsia di rito, è stata trasferita presso l’obitorio dell’ospedale di Battipaglia.