Mercato San Severino, cinquantasettesimo Premio Nazionale Paestum



Premio Nazionale Paestum

Si è tenuta ieri sera, a Mercato San Severino, la cinquantasettesima Edizione del Premio Nazionale Paestum

È stata l’Aula Consiliare “Carmine Manzi” del Palazzo Vanvitelliano di Mercato San Severino ad ospitare, ieri sera, la cerimonia di premiazione del Concorso Nazionale Paestum giunto alla sua cinquantasettesima edizione.

Il Premio Nazionale Paestum si rinnova nel segno e nella memoria di un uomo che ha dato tanto alla cultura locale e nazionale, il prof. Carmine Manzi che, nel lontano 1949, ha fondato l’Accademia di Paestum facendone un luogo di discussione e confronto.

La cerimonia, condotta da Elisabetta Ingenito, ha registrato un’ampia partecipazione della comunità sanseverinese.

Sono intervenuti, per quanto riguarda la politica, l’Onorevole Iannuzzi, il Senatore Andria e il Vicesindaco di Mercato San Severino, Luciano Lombardi, che hanno sottolineato la rilevanza nazionale che il prof. Manzi e il Premio Paestum hanno acquisito nel corso degli anni.

Anna Manzi, figlia del prof. Manzi, ha ringraziato tutti i protagonisti del concorso, i poeti, gli scrittori, i fotografi e i giurati che con il proprio impegno e la propria passione hanno permesso la buona riuscita dell’evento.

È stata la dirigente del Liceo Artistico “Sabatini-Menna”, Ester Andreola ad evidenziare l’importanza della poesia, la strada maestra che accompagna nel gioco della vita rivelando la verità delle cose.

Quest’anno il Premio Speciale Paestum è stato attribuito alla memoria di Serafina Ferraro, l’anziana maestra di Trecchina (Pz) che ha combattuto 18 anni per riottenere la propria casa resa inagibile dal terremoto del 1998 e che ha narrato la propria battaglia in un libro-diario.

La storia di Serafina, conosciuta come “zia Fifina”, è diventata famosa grazie al servizio de “Le iene” che ha preso a cuore la vicenda, proiettato poi nel corso della serata.

Il filmato è stato accompagnato dall’intervento del figlio della donna che ha dichiarato di devolvere, come desiderato dalla madre, il ricavato delle vendite del libro per l’acquisto di un defibrillatore per una scuola in cui la maestra ha insegnato.

Sono stati poi consegnati i premi per la fotografia e la poesia seguiti dalla lettura delle poesie finaliste da parte di Ciro Iannicelli. La serata è stata allietata da Lello Sepe e Nicola Cicatelli che hanno reso omaggio alla canzone napoletana.

Leggi anche