Lotta all’inquinamento: in campo Forestali e Protezione Civile

controlli forestali

Proseguono le ispezioni a pelo d’acqua con l’ausilio dei droni nei fiumi. Un’attività di monitoraggio di Forestali e Protezione Civile, alla luce dello scarico illecito di rifiuti da parte di ignoti

Lotta all’inquinamento ambientale, in campo Carabinieri Forestali e Protezione Civile nel triangolo Ufita, Baronia, Calore. Proseguono le ispezioni a pelo d’acqua con l’ausilio dei droni messi a disposizione dalla Protezione Civile Campania diretta da Claudia Campobasso.
Un’attività di monitoraggio del territorio, alla luce dello scarico illecito di rifiuti da parte di ignoti, nell’aveo del fiume Ufita, più volte denunciato. L’operazione si avvale di una sala operativa mobile della regione Campania . Presente la Protezione Civile Flumerese coordinata magistralmente da Francesco Giacobbe Francesco, insieme a quella di Santa Maria delle Grazie, Pellezzano guidata da Agostino Napoli, già presente in Irpinia, in diverse attività importanti della Protezione Civile, tra cui ricerca dispersi. In azione gli stessi droni utilizzati anche per le attività di indagini all’isochimica di Avellino.

Un’opera di prevenzione importante, quella dei Carabinieri Forestali dei tre comandi di Ariano, Mirabella e Castelbaronia sul fronte della repressione delle violazioni in materia ambientale. Dalle ispezioni effettuate attraverso i droni, sarà possibile ora verificare ogni tipo di anomalia, anche attraverso la colorazione delle acque all’interno dell’alveo fluviale.

Ai raggi x l’aera industriale di Flumeri e il territorio di Melito Irpino, dove recentemente era stata segnalata una moria di pesci, schiuma e sversamenti abusivi, per lo più occasionali, da parte di scellerati.
Sarebbe stata esclusa la presenza di scarichi industriali. Monitorate anche alcune collinette morfologicamente sospette. Non si esclude la presenza di rifiuti interrati. Una struttura ben collaudata, quella diretta da Claudia Campobasso, che si è rivelata già in altre occasioni preziosissima, nella lotta all’inquinamento ambientale.

Il monitoraggio è stato quasi completato, vi è già una mappatura generale, con una serie di dati e risultati importanti, in qualche caso i danni sarebbero irreversibili, domani si interverrà nel territorio al confine con Villanova del Battista.