Da Santa Teresa al Porto Masuccio: ecco come si trasformerà il litorale di Salerno



salerno

Un progetto ambizioso quello promosso dal comune di Salerno: il litorale, dalla spiaggia di Santa Teresa al porto Masuccio Salernitano, è pronto a cambiare il proprio volto

Importanti novità relative al futuro del litorale di Salerno. Come riporta la pagina ARCAN – Salerno Cantieri&Architettura, il l’Ente comunale ha pubblicato degli atti di indirizzo, ossia la fissazione delle finalità da conseguirsi tramite l’azione politica, in merito alla progettazione esecutiva della nuova spiaggia che andrà da Santa Teresa sino al Porto Masuccio Salernitano.

I punti salienti

La quota delle nuove spiagge dovrà essere non superiore a un metro rispetto al livello medio mare, così da equiparare la quota delle nuove spiagge (Santa Teresa, Nuove Spiagge), e in modo da non interferire con le strutture tutt’ora esistenti.

La conformazione della spiaggia di Santa Teresa dovrà mantenersi in linea con quanto previsto dal progetto preliminare, realizzando opportune opere che consentano di modificare il percorso delle acque del Fusandola e dello scarico adiacente (se ancora funzionante). In questo modo si escluderà la loro fuoriuscita diretta, riducendo al minino le possibili interferenze sulla qualità ambientale della balneazione.

La profondità delle spiagge deve avere una dimensione minima di 40 metri. I pennelli emersi, di confinamento delle nuove spiagge, dovranno essere posizionati in corrispondenza di piazza Cavour e della foce del Rafastia. Dovrà essere previsto un allontanamento verso il mare proprio delle acque del Rafastia, in modo tale da ridurre al minino le possibili interferenze sulla qualità ambientale della balneazione delle due spiagge ad esso adiacenti.

Dovranno essere valutate le problematiche connesse agli scarichi presenti sul lungomare assicurandone un collettamento e la possibilità di operare almeno un trattamento primario delle acque ai fini della balneazione.

Le tematiche connesse alle interferenze delle nuove strutture di protezione con i porti Turistici esistenti saranno al centro di approfondimento, al fine di evitare l’insorgere di problematiche connesse alle condizioni di normale navigabilità.

Tempi di realizzazione

È stato posto come limite per la consegna del progetto esecutivo il 30 novembre 2019.

Leggi anche