Furto nel Convento di Baronissi. Ecco cosa è accaduto



Con un breve post su Facebook, i Frati Minori annunciano l’incresciosa notizia. Ancora sconosciute le dinamiche del furto al Convento

Come tante famiglie di Baronissi, anche il convento ieri sera ha avuto la visita dei ladri. Il Signore abbia misericordia di loro”. Con questo post pubblicato sulla pagina Facebook i Frati Minori di Baronissi annunciano alla popolazione di Baronissi che il Convento è stato vittima di un furto.

Ecco la testimonianza dei Frati in merito a quanto avvenuto: “Ieri sera verso le 20,00, mentre stavamo cenando, tre persone sono entrate nel nostro convento al piano della clausura. Si presuppone che fossero in sei. Non hanno portato via nessun oggetto di valore, solo le offerte delle santa messa, quelle dei poveri. Tra i danni solo la forzatura delle porte delle celle. Non possiamo negare tanta paura.

Sconforto e perplessità per questo ennesimo atto di violenza nei confronti delle istituzioni religiose presenti sul territorio.

conventoIl Convento, oltre che un luogo di spiritualità, è un luogo storico di Baronissi. La struttura, infatti,  ha ospitato numerosi artisti ed è stata protagonista della vita economica della cittadina irnina, con numerose attività tra cui un lanificio, che si mantenne florido per oltre due secoli, fino alla soppressione del Convento, avvenuta nel 1866. I frati, per riaverlo, dovettero aspettare il 1892, anno in cui fu riacquistato dal Comune.

A testimoniare lo splendore degli anni fiorenti, ancora oggi è possibile ammirare la Sagrestia con i suoi armadi in legno intagliati e decorati con pazienza certosina e fine senso artistico da Fra’ Innocenzo da Francavilla nel 1648.

Durante la prima e la seconda guerra mondiale fu occupato dall’autorità militare, ospitò i prigionieri e fu oggetto di azioni di guerra, fortunatamente senza subire gravi danni.

Leggi anche