Home Attualità Codacons Campania, il nuovo Piano Pandemico rischia di finire subito in tribunale

Codacons Campania, il nuovo Piano Pandemico rischia di finire subito in tribunale

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
535,524
Totale Casi Attivi
Updated on 19 January 2021 20:39
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Codacons Campania, Piano pandemico: Codacons pronto ad impugnare il documento se confermata possibilità di scegliere chi curare e chi no. Diffidato il ministro speranza a modificare piano ricorrendo a ricoveri europei

Codacons Campania, Piano pandemico: Codacons pronto ad impugnare il documento se confermata possibilità di scegliere chi curare e chi no. Incapacità dello stato non possono essere pagate con vite umane, sarebbe abbandono di incapace e omissione di soccorso. Diffidato il ministro speranza a modificare piano ricorrendo a ricoveri europei. 

Il nuovo Piano Pandemico rischia di finire subito in tribunale. Il Codacons annuncia infatti una battaglia legale dopo le indiscrezioni sulla prima bozza del documento che conterrebbe al suo interno la possibilità per i medici, qualora le risorse sanitarie dovessero risultare insufficienti, di scegliere i pazienti da curare, selezionando solo quelli che potranno trarre maggior beneficio dai trattamenti.
“Se fosse confermata tale parte del Piano Pandemico, ci troveremmo di fronte ad un vero e proprio abuso che potrebbe configurare una serie di reati penali, dall’abbandono di incapace all’omissione di soccorso – spiega il Presidente Carlo Rienzi – Non è tollerabile in un paese civile che le incapacità dello Stato siano pagate con vite umane, e in tal senso diffidiamo formalmente il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ad eliminare dal Piano Pandemico qualsiasi riferimento alla scelta tra chi curare e chi abbandonare al suo destino”.
In caso di insufficienza di risorse per prestare le dovute cure a tutti i malati, lo Stato deve creare i presupposti affinché nessuno sia abbandonato, attivando ricoveri europei sul modello della direttiva Ue “cross border health-care”.