Home Attualità Cava de' Tirreni: viadotto intitolato ad Amerigo Vitagliano

Cava de’ Tirreni: viadotto intitolato ad Amerigo Vitagliano

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
186,002
Totale Casi Attivi
Updated on 23 October 2020 23:40
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Questa mattina a Cava de’ Tirreni la cerimonia di intitolazione ad Amerigo Vitagliano del viadotto che collega la località Tengana al trincerone

Si è svolta questa mattina la cerimonia di intitolazione ad Amerigo Vitagliano del viadotto che collega la località Tengana al trincerone, le cosiddette rampe.

Il sindaco Vincenzo Servalli con l’omonimo nipote, ha scoperto la targa posta sull’ingresso nord del viadotto, alla presenza dei familiari, Assessori e consiglieri comunali con la benedizione di Don Giuseppe Ragalmuto e padre Adriano Castagna, della Basilica della Madonna dell’Olmo.

L’ingegnere Vitagliano fu consigliere fondatore dell’Ordine degli ingegneri nella Provincia di Salerno, restando in carica dal 1944 al 1956. Al termine della carriera professionale fu eletto Senatore dell’Ordine.

Portano la sua firma i progetti di molte opere pubbliche nella Provincia di Salerno, tra cui strade, edifici scolastici, edifici comunali e altre opere di urbanizzazione e depuratori.

Progettò il centro sportivo del Vallo di Diano. nell’ambito dell’edilizia industriale, progettò la costruzione e gli ammodernamenti degli opifici delle più importanti aziende dell’epoca, quali la “Di Mauro Arti Grafiche”, la Lito Sud, la Medea e, successivamente, la Di Mauro Officine.

Partecipò attivamente alla vita politica, propugnando la difesa dei diritti delle classi meno abbienti; ricoprì la carica di consigliere comunale nelle file del PSI del comune di Cava de’ Tirreni dal 1964 al 1970; ricoprì la carica di consigliere di amministrazione dell’Ospedale S. Maria Incoronata dell’olmo e fu consigliere della provincia di Salerno.

“è dovere ricordare coloro che hanno lasciato una traccia della loro vita nella storia della nostra città -afferma il sindaco Servalli I cavesi che lo hanno conosciuto lo ricordano per la sua signorilità e per le sue doti di uomo integerrimo, equilibrato, leale e dotato di un raro spirito di abnegazione per il lavoro. Per le sue doti umane e professionali è stato amato e stimato dai colleghi, dagli amministratori della nostra città e dai tanti concittadini che hanno avuto l’occasione di avvalersi della sua professionale o semplicemente dei suoi consigli, sempre disinteressati.”