Cava de’ Tirreni: sicurezza e territorio a 360 gradi



Cava de’ Tirreni sempre più sicura e impegnata nella lotta alla prevenzione della criminalità e dei disordini. Su direttiva degli assessori Lamberti e Murolo, alla Sicurezza e alla Polizia Locale, si stanno intensificando i controlli sul territorio per frenare il fenomeno della questua molesta. Nelle scorse ore è stata elevata una contravvenzione ai danni di una cittadina rumena 23enne, sorpresa a elemosinare in pieno centro cittadino, lungo il corso principale. Gli agenti della Polizia locale l’hanno seguita e fermata all’altezza della farmacia Accarino e dopo gli accertamenti di rito e la verbalizzazione con relativa sanzione amministrativa, la donna ha dovuto abbandonare il territorio comunale.

In tarda mattinata, invece, dietro segnalazione di alcuni cittadini del posto, si è reso necessario il pronto intervento dei volontari della Protezione civile metelliana, alla quale è stato delegato dal sindaco Galdi il consigliere comunale Pasquale Senatore, per un incendio che ha mandato in fumo alcuni contenitori dei rifiuti della frazione organica in località “vecchio mattatoio”, in via Caliri. Sul posto a spegnere il principio di incendio, l’idrovora comunale e alcuni volontari della Protezione Civile con il loro coordinatore, l’ispettore della Polizia locale Matteo Senatore. L’opera dei volontari della Protezione civile si è resa necessaria nei giorni scorsi anche al Parco di Diecimare, in via Alfonso D’Amico e per la distribuzione di acqua con le autobotti per emergenza idrica a San Giuseppe al Pennino.

Leggi anche