Castellammare di Stabia: Panoramica paralizzata da un incendio per dodici ore.



13 Agosto Panormica di Castellammare di Stabia (Na): ” il diavolo alle 10,30″.

Traffico praticamente bloccato per oltre dodici ore sulla strada statale che da Castellammare di Stabia porta a Sorrento, per un incendio che ha investito l’insenatura del Faito all’altezza della località Pozzano.

Incendio a PozzanoI disagi sono stati tantissimi, anche perchè prima dell’arrivo dei pompieri, sul posto sono giunti viglili e forze dell’ordine preoccupati di possibili crolli  del costone roccioso che troneggia sul golfo di fronte al Vesuvio  e per la messa in sicurezza, l’unica strada che porta alla costiera Sorrentina,  ha subito fortissimi rallentamenti con la marcia a passo d’uomo.

C/mare PanoramicaLa preoccupazione delle forze dell’ordine ha poi allertato i vigili del fuoco che con l’ausilio di Canadair hanno avuto forza per aver partita vinta con le fiamme divampate  a pochi metri dalle molte abitazioni presenti ai piedi della Panoramica. Giornata da dimenticare per molte famiglie, bloccate con i propri figli sulle spiaggie di Capo La Gala, Meta, Seiano e Sorrento. Il disagio si è prolungato per l’intera giornata con enorme sofferenza per i bambini e gli anziani intrappolati nelle auto e soccorsi solo nel pomeriggio dall’intervento della protezione civile che ha distribuito acqua in bottigliette. L’ingorgo ha iniziato il suo deflusso più regolare intorno alle 23,00 ed anche se le fiamme sono poi state domate, ripercussioni si sono avute anche a lunga distanza. Difatti l’incendio divampato è scoppiato in un’insenatura dove ci sono correnti ascensionali che hanno trasportato le colonne di fumo fino alla lontana Angri (Sa). Intorno alle ore 20,00, molta cenere si è notata sulle auto parcheggiate a Sant’Antonio Abate e ad Angri con l’acre odore di fumo che scavalcando il Monte Faito ha invaso anche l’Agro Nocerino.

Fumo sul Faito che arriva ad Angri.Dalle prime indagini, sembra che la causa dell’incendio non sia di natura dolosa, in quanto all’altezza in cui ha preso piede era presente un automezzo in panne che evidentemente aveva preso fuoco. Fuoco che poi si è subito propagato sulle pareti della Panoramica esposte al sole tutta la giornata di questa torrida estate.

Leggi anche



Articolo precedenteMoscatiello e Galdi, sindaci #forgreece nominati personaggi dell’anno
Prossimo articoloStrade e disagi: il Comune di Fisciano “bussa” in Provincia
Avatar
Pasquale D’Aniello, giornalista, nato a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli. Da sempre appassionato di calcio con alcune esperienze dilettantistiche sul campo e sulla panchina. Autore nel 2012 del Libro: "Scugnizzeria agli Albori di un Successo"​ e premiato a Gallipoli nel 2015 (Torneo Internazionale che assegna il Trofeo Caroli Hotels), quale miglior giornalista del calcio giovanile. L'approccio con il calcio giovanile dilettantistico e professionistico da qualche decennio, ha fatto maturare in me nuove convinzioni ed intravedere nuovi orizzonti. "​ Il calcio è educazione, è economia, è uno dei modi di essere società"​. Tutto questo mi ha portato ad essere un "Cronista del calcio giovanile Campano"​, con il fine ultimo di far comprendere che questo Sport deve essere una sana sfida per misurare l'estro calcistico e nulla ha, che possa riguardare il fanatismo e qualsiasi altra devianza che provoca rancore anche a pochi metri di distanza tra i vari campi di calcio. La fortuna poi, di incontrare tantissimi professionisti legati a questo mondo, ha fatto il resto...