Home Territorio Pontecagnano Cantastorie raggamuffin, l'intervista a Piervito Grisù

Cantastorie raggamuffin, l’intervista a Piervito Grisù

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
299,191
Totale Casi Attivi
Updated on 29 October 2020 22:56
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

In occasione del lancio del primo disco da solista di Piervito Grisù De Rosa, “Cantastorie raggamuffin”, ZerOttoNove lo ha intervistato in esclusiva e anteprima

Pontecagnano – Mercoledì 25 maggio 2016, presso Spazio Nomade, ZerOttoNove.it ha intervistato, in esclusiva e anteprima, Piervito Grisù De Rosa in occasione del lancio del suo primo disco da solista “Cantastorie raggamuffin”.

Un angolo appartato, ma allo stesso tempo, immerso nella vita di Pontecagnano, così si è presentato ai nostri occhi lo Spazio Nomade in cui siamo stati accolti da Grisù che, con cordialità e simpatia, ci ha introdotto nel “suo” luogo di creazione e riflessione; non uno spazio privato, ma un ambiente collettivo, a disposizione dell’estro di tutti.

Forse è anche la condivisione, non quella social tanto di moda, ma quella autentica, umana, la matrice dell’ispirazione di Grisù che ha creato all’insegna del raggamuffin cantautoriale il suo primo disco da solista dal titolo, appunto, di “Cantastorie raggamuffin”.

Un disco di 8 tracce, che prende le mosse dalla canzone “Anema e mare”, il cuore dell’album, che, a detta di Grisù, raccoglie un po’ tutto il suo nuovo progetto e che siamo sicuri farà breccia nel grande pubblico, così come i due precedenti singoli “Solare” e “Fenomeno”.

Il disco è in vendita, sia su supporto fisico che in formato digitale, da stamattina, venerdì 27 maggio 2016, mentre l’appuntamento e la presentazione live con Grisù sono fissate per stasera presso il pub Il Monaco UbriacoPagliarone di Pontecagnano, per la data zero del tour che vedrà il “Cantastorie raggamuffin” in giro per la provincia, la regione e l’Italia intera.

Intervista a cura di Germana Giardullo

Foto a cura di Mary Ciaparrone e Gerardo Stromillo

Riprese e montaggio a cura di Gerardo Mele