Home Attualità Battipaglia, la sindaca Francese sul depuratore: "Funziona! E non è una vergogna"

Battipaglia, la sindaca Francese sul depuratore: “Funziona! E non è una vergogna”

Covid-19

Italia
45,079
Totale Casi Attivi
Updated on 22 September 2020 13:46
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

La sindaca di Battipaglia, Cecilia Francese, interviene sulla questione del depuratore di Tavernola, già definito della “vergogna”, e respinge le critiche

Battipaglia – La sindaca Cecilia Francese ha risposto, nel corso di un’intervista ai microfoni di Zerottonove.it, all’articolo pubblicato sul quotidiano “La Città” che ha definito il depuratore di Tavernola “della vergogna”. «Depuratore della “vergogna” è decisamente troppo. Gli atti vanno letti, ed uscirà anche una nota dell’Ing. dell’Asis in merito. Il depuratore di Battipaglia è praticamente l’unico che funziona e bene» – sottolinea la Prima Cittadina.

- Advertisement -

Cecilia Francese ha illustrato, nel corso dell’intervista, le caratteristiche del discusso sistema di depurazione Tavernola, che pare abbia la capacità di depurare fino 200 litri al secondo. «Può depurare più di quanti siano gli abitanti, ossia circa per 80mila abitanti. Questo depuratore depura tutto ciò che arriva a sud del fiume Tusciano. La parte nord, ossia le località dei Serroni e Belvedere, oltre i comuni di Bellizzi e Pontecagnano, fino a Salerno, non hanno depurazione

A parte un un piccolo guasto nel 2018, «il depuratore ha sempre funzionato – spiega la Sindaca, che prosegue – Attualmente depura 120 litri al secondo, ed è quello che depura di più in tutta la fascia costiera. Noi avevamo chiesto mezzo milione di euro per garantire anche il trattamento dei fanghi, tuttavia questi ultimi non alterano la depurazione. I fanghi vengono raccolti in delle vasche e a tal proposito abbiamo chiesto all’Asis di aumentare la frequenza dello smaltimento delle vasche

Infine, la sindaca ha commentato amaramente l’episodio che ha visto l’impianto dei depurazione oggetto di furti. «Il 2 agosto due imprenditori balneari mi avevano inviano una foto del mare limpido, ringraziandomi fortemente. Il 3 agosto, il giorno successivo, rubano i cavi al depuratore. Da allora è fermo, e non per altri motivi. Tuttavia, entro domani verrà riattivato il depuratore. Abbiamo, inoltre, chiesto all’Asis di predisporre un sistema di videosorveglianza affinché questi episodi non avvengano più. Lo ripeto, il depuratore ha sempre funzionato e non è una vergogna, anzi è l’unico che funziona

LiveZon
zerottonove