Battipaglia soffre da anni del problema delle microdiscariche. Zerottonove.it ha ripercorso alcune strade cittadine, vere e proprie zone franche per gli incivili

I cumuli di rifiuti a Battipaglia, specialmente sulla SP 195, sono visibili persino dai satelliti. Ma non l’unica zona della città della Piana del Sele ad essere tempestata di rifiuti. Si tratta del problema delle microdiscariche che, purtroppo, si somma alle ancor più serie preoccupazioni dovute alle discariche in località Castelluccio e Buccoli che – secondo il protocollo d’intesa con la Regione Campania – dovrebbero essere presto bonificate.

Sul tema si sono espressi numerose parti politiche: come non ricordare le parole dell’ex assessore Onnembo che – a poche settimane dall’inizio dell’amministrazione Francese – assicuro che la città sarebbe stata “una delle più pulite d’Italia in 18 mesi“. Sono passati oltre due anni e mezzo, ma la situazione stenta a migliorare in modo marcato.

Tuttavia, diversi sono stati i blitz delle Forze dell’Ordine. L’ultimo, in ordine di tempo, quello in via Sturzo, dove sono stati applicati i sigilli proprio ad una microdiscarica. Per questo motivo la giunta Francese, negli scorsi mesi, aveva iniziato ad elaborare un censimento di tutte le microdiscariche presenti sul territorio.

L’annosa problematica si sviscera in due questioni ben distinte, ma legate tra loro: se da una parte vi è la presenza di cittadini battipagliesi (e non solo) che assumono un atteggiamento incivile, privo di alcun rispetto per l’ambiente e senza tenere conto delle conseguenze e degli impatti su questo, sono gli stessi residenti che chiedono a gran voce di installare sul territorio comunale un sistema di videosorveglianza che possa fungere da persuasivo e che, dall’altro lato, permetta di individuare i responsabili dei vili atti contro l’ambiente.

Le zone interessate: la mappa

Viale Francia sulla SP 195 che collega la città a Eboli, il litorale – soprattutto nei pressi della S.P. 417, in via Turco, via Fosso Pioppo, in via Velia nei pressi dello Stadio Pastena, nei pressi dello svincolo autostradale in via Garda, nei pressi del sottopasso di via Esperia all’intersezione con via Etruria, in via Lettonia che collega la città a Bellizzi dalla zona Serroni e in via Marcovaldo, strada che porta al Castelluccio.

Il servizio

Battipaglia, problema microdiscariche: le zone colpite

#cronaca Microdisariche a cielo aperto a Battipaglia: dal litorale cittadino, alla zona Industriale, sino a cumuli di rifiuti che costeggiano il caratteristico Castelluccio. Nella città della Piana del Sele vi sono delle vere e proprie zone franche. Un servizio di Francesco Celetta e Cinzia Ribecco

Pubblicato da Zerottonove.it su Martedì 15 gennaio 2019