HomeAttualitàBaronissi, 54mila euro contro il rischio sismico

Baronissi, 54mila euro contro il rischio sismico

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
227,985
Totale Casi Attivi
Updated on 4 February 2023 5:30
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

La Regione Campania stanzia 54mila euro per creare un piano per contrastare il rischio sismico. Oltre Baronissi, altri 78 comuni campani coinvolti

Il Comune di Baronissi avrà a disposizione 54mila euro dalla Regione Campania per elaborare un progetto per la microzonazione sismica del territorio. I comuni campani coinvolti sono appena 78 e potranno beneficiare del finanziamento, che consentirà all’amministrazione comunale di pianificare il rischio sismico e le conseguenze iniziative di sicurezza.

I beneficiari disporranno a breve di una “Carta di Microzonazione Sismica con approfondimenti”, che permette di conoscere il comportamento delle diverse zone cittadine in caso di sollecitazione da parte di un evento sismico, tenendo conto delle peculiarità di ogni territorio. La Regione Campania è di fatto una delle Regioni più a rischio sismico. Tenendo conto dei gravi episodi idrogeologici, non può essere sottovalutata l’attività di valutazione della sicurezza o vulnerabilità sismica. Un evento naturale come un terremoto non si può prevenire, ma possono essere gestiti per diminuire gli effetti disastrosi.

“Dobbiamo investire in prevenzione e sicurezza ed esprimo soddisfazione per questo ennesimo finanziamento ricevuto dal nostro Comune”. “Attraverso la maggiore conoscenza si può gestire il rischio sismico prevenendo gli effetti più tragici di inevitabili eventi naturali “. L’assessore all’urbanistica Maria Sarno ha di fatto spiegato come lo studio permetterà di focalizzarsi sulle capacità edilizie oltre che valutare anche l’incidenza delle situazioni specifiche.

“Una volta acquisiti, dati e conoscenze permetteranno di migliorare la pianificazione urbanistica, ma anche di intervenire sul risanamento dei luoghi maggiormente esposti.” Gli studi, una volta realizzati e validati dal Dipartimento della Protezione Civile, dovranno essere utilizzati e recepiti obbligatoriamente all’interno degli strumenti urbanistici.