HomeTerritorioBaronissiBaronissi: si riapre la stagione culturale

Baronissi: si riapre la stagione culturale

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
507,169
Totale Casi Attivi
Updated on 3 December 2022 11:39
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Baronissi in programma per sabato 1 ottobre un evento jazz in chiave moderna che condurrà gli auditori in un viaggio sulle note di alcuni degli artisti internazionali più apprezzati

Si riapre la stagione culturale del comune di Baronissi con il terzo incontro a firma della Consulta della Cultura. Ad allietare la serata di Sabato 1 Ottobre 2022, alle 19.30 presso l’Aula Consiliare del Comune di Baronissi in Piazza della Repubblica, un evento jazz in chiave moderna che condurrà gli auditori in un viaggio sulle note di alcuni degli artisti internazionali più apprezzati. Sarà la voce di Emilia Zamuner docente di canto jazz al Conservatoriodi Musica “Giuseppe Martucci” di Salerno, accompagnata dal tocco di pianoforte di Paolo Zamuner, a traghettarci sulle onde di questo viaggio musicale che parte da Napoli, solca i sette mari, e termina a Madrid. Una cornice internazionale che esalta e ripercorre i traffici commerciali che, lungo le rotte del Mediterraneo, ancora oggi conservano traccia del passaggio di Nicola Fumo. Nicola Fumo, due voci che si nutrono della stessa anima.

Nicola: il giovane che si trasferì nella città partenopea per dare forme nuove al suo esto; Fumo: lo scultore che si contraddistinse nel panorama seicentesco per l’impulso moderno che seppe dare alla plastica in legno policroma di età Barocca. I due volti della stessa arte, proprio come il Jazz ed il Barocco che si fondono e si completano nella follia e nell’improvvisazione.

Sarà con la stessa freschezza e modernità che la cittadinanza sarà invitata a cogliere l’interpretazione in chiave jazz del Zamuner Duo. Una nuova veste per il lungo viaggio che portò le opere dello scultore e architetto italiano di origini Baroniensi ad essere apprezzate e custodite in tutto il Viceregno.