HomeCronacaValle dell'Irno: ennesimi casi di stalking e maltrattamenti in famiglia

Valle dell’Irno: ennesimi casi di stalking e maltrattamenti in famiglia

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
856,869
Totale Casi Attivi
Updated on 22 May 2022 8:19
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

Ieri sera i Carabinieri della Compagnia di Mercato San Severino hanno eseguito due ordinanze di applicazione di misura cautelare a seguito di distinti episodi di violenza in famiglia, gli ennesimi registrati, negli ultimi tempi, nella Valle dell’Irno.

In particolare, a Mercato San Severino (SA), i carabinieri della locale Stazione hanno rintracciato e tratto in arresto F.S., disoccupato 55enne del luogo, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’Ufficio GIP del Tribunale di Salerno  per atti persecutori, violenza privata e lesioni personali.  Il provvedimento è scaturito dalla piena concordanza dell’A.G. con le ulteriori risultanze investigative acquisite a carico del medesimo che, nonostante lo scorso 04 luglio fosse già stato sottoposto al divieto di avvicinamento alle parti offese, ha perseverato nell’attuazione di condotte ossessive e minacciose, contattando telefonicamente i familiari, fino a  raggiungerli presso le rispettive abitazioni o luoghi di lavoro.

L’arrestato è stato condotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

I Carabinieri della Stazione di Castel San Giorgio (SA), hanno invece  eseguito un’ordinanza del divieto di dimora nel comune di Roccapiemonte (SA), emessa dall’Ufficio GIP del Tribunale di Nocera Inferiore (SA), nei confronti di S.G., disoccupato 36enne del luogo. Le indagini, avviate a seguito della denuncia sporta dalla madre 58enne, casalinga, hanno consentito di appurare che l’uomo, per futili motivi, da circa un anno, poneva in essere quotidiane condotte aggressive e violente, anche contro la sorella, in taluni casi impossessandosi od estorcendo loro piccole somme di denaro.

Le storie  di  violenza proseguivano da molto tempo, finché le donne  non  hanno trovato la forza ed il coraggio di denunciare quanto accaduto ai carabinieri.