Home Attualità Baronissi, Valiante: "L'ufficio postale di Acquamela non chiuderà"

Baronissi, Valiante: “L’ufficio postale di Acquamela non chiuderà”

Covid-19

Italia
49,618
Totale Casi Attivi
Updated on 28 September 2020 0:16
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

“Ho avuto un fitto colloquio con i vertici di Poste Italiane che mi hanno smentito ipotesi di chiusura” fa sapere il sindaco Valiante

Il sindaco di Baronissi Gianfranco Valiante rassicura i cittadini circa una paventata chiusura dell’ufficio postale di Acquamela. “Dopo la sottoscrizione ricevuta da cittadini preoccupati ho avuto un fitto colloquio con i vertici di Poste Italiane che mi hanno smentito ipotesi di chiusura”.

L’Amministrazione comunale dice comunque “no” anche a previste sperimentazioni circa la chiusura di uno dei due sportelli dell’ufficio. L’ufficio sarebbe oggetto, dal 15 ottobre prossimo, di una riorganizzazione sperimentale che coinvolge svariate sedi in tutta Italia: l’ufficio dovrebbe  avere un solo operatore a fronte dei due attuali. Il sindaco Gianfranco Valiante questa mattina ha avuto un confronto telefonico con i vertici di Poste: “Non ci sarà alcuna chiusura – chiarisce Valiante – ma metteremo in campo ogni forma di azione condivisa con i cittadini, al fine di impedire questa razionalizzazione che rappresenta un danno per un servizio essenziale del territorio. La scelta di ridimensionare l’ufficio postale di Acquamela corrisponde esclusivamente a scelte ragionieristiche che non condividiamo e che i numeri non giustificano . Se vi è stato un calo di operazioni alle Poste di Acquamela e’ stato determinato esclusivamente dall’azienda Poste che non sempre ha tenuto aperti gli sportelli per carenza di personale. Un solo operatore creerebbe disagi in una realtà che raccoglie cittadini delle frazioni Acquamela, Aiello ed anche del comune di Pellezzano oltre che tutti gli utenti di passaggio da Baronissi a causa del sistematico collassamento dell’ufficio centrale già per se insufficiente e critico. Chiederemo ai Vertici regionali di Poste Italiane incontro per dimostrare le nostre ragioni”.

LiveZon
zerottonove