Home Cronaca Uomo travolto da un treno: giallo a Pontecagnano Faiano.

Uomo travolto da un treno: giallo a Pontecagnano Faiano.

Covid-19

Italia
14,621
Totale Casi Attivi
Updated on 5 July 2020 10:27
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

PONTECAGNANO FAIANO. Investito da un treno sui binari della stazione. Un episodio inquietante quello avvenuto ieri mattina, nei pressi dello scalo ferroviario della cittadina picentina di Pontecagnano Faiano. Erano da poco passate le 11 quando la tranquillità dell’intera struttura è stata squarciata da un terribile avvenimento.

- Advertisement -

Un uomo sulla quarantina, con indosso una camicia militare e degli occhiali da sole, si è avvicinato ad uno dei binari e dopo qualche minuto, si è visto travolgere in pieno dal convoglio in corsa, uccidendolo sul colpo. Agghiacciante lo spettacolo offerto agli occhi dei tanti avventori che si trovavano nei locali della stazione picentina: brandelli di corpo sparsi su tutti i binari e la testa decapitata ritrovata nei pressi del treno. Questo è stato il contesto da brividi su cui hanno dovuto operare i volontari dell’Humanitas di Salerno e gli agenti della Polizia Ferroviaria di Battipaglia, che hanno faticato parecchio per ripulire l’intera area dai resti disseminati lungo le rotaie.

Non si conosce ancora l’identità dell’ uomo che, al momento dello scontro con il treno, non aveva con sé alcun documento di riconoscimento. Gli agenti della PolFer battipagliese, dunque, stanno cercando di dargli un nome: per farlo stanno passando al setaccio tutte le denunce di scomparsa effettuate nelle ultime ore, nella provincia di Salerno e non solo, cercando anche di capire se la persona coinvolta nell’ episodio avesse intenzione di suicidarsi o se si trovasse alla stazione in stato di incoscienza.

L’incidente avvenuto a Pontecagnano Faiano ha avuto anche pesanti ripercussioni sul traffico ferroviario dell’intera rete salernitana, presa d’assalto ieri dai vacanzieri per il primo vero esodo estivo dell’anno. Molti convogli diretti verso le località marittime della provincia e della Calabria sono stati infatti costretti a subire “ritardi imprecisati”. Ci sono volute un paio di ore – il tempo di espletare le operazioni di rito da parte degli agenti della Polfer e dei volontari dell’Humanitas – per far tornare alla normalità la circolazione dei treni sull’ intera tratta.

LiveZon
zerottonove