UNISA, presentazione del libro “Freud e la Storia”



Il professor Aurelio Musi, docente di Storia Moderna a Scienze Politiche, sarà l’ospite d’onore dell’evento organizzato dal Collettivo Strike Lab per presentare uno dei suoi ultimi lavori, “Freud e la Storia”

“La storia è fatta di corsi e ricorsi” è un’espressione che, forse, abbiamo sentito più volte ripetere dai docenti. Cosa ben diversa è immaginare le analogie e le sincronie che hanno attraversato la storia, influenzando la vita: è ciò che ha fatto il professor Aurelio Musi con il suo libro “Freud e La Storia”. Il libro, che da quest’anno fa parte del materiale didattico degli studenti del primo anno, è un’analisi sui cambiamenti avvenuti nella mente dell’inventore della psicoanalisi, in seguito ad eventi personali, come la Bibbia ricevuta in regalo dal padre, oppure storici, come l’avvento del nazismo, a cui vengono affiancate riflessioni tratte da altri storici.

UNISA, presentazione del libro "Freud e la Storia"Il professore, oltre ad essere uno storico affermato ed un giornalista, vanta una lunga carriera all’Università degli Studi di Salerno, dove insegna Storia Moderna nel corso di laurea in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali.

Circa un anno fa, il Collettivo Strike Lab, gruppo di studenti di Scienze Politiche, aveva organizzato un altro evento a cui il professor Musi aveva partecipato: in quell’occasione si parò dei conflitti internazionali anche attraverso la testimonianza del Collettivo Handala.

“Freud e la Storia” ha incuriosito fin da subito il Collettivo Strike Lab proprio grazie al suo titolo: come mai un personaggio contemporaneo diventa oggetto di un corso di Storia Moderna? Cosa ha a che fare Freud con la Storia? A questi e a tanti altri quesiti risponderanno sia l’autore che Giuseppe Foscari, docente di Storia Dell’Europa nel medesimo corso di laurea, il 5 aprile alle ore 10.30 nell’aula Sp/4.

Leggi anche