Un sabato particolare per la storia del calcio salernitano



 

Finalmente ci siamo!!! Per fortuna non si riferisce al solito spot di presentazione per la partecipazione ad un campionato di Lega Pro, bensì al tanto auspicato incontro tra i rappresentanti del Salerno Calcio e quelli della Energy Power per il passaggio dei beni immateriali della Salernitana.A dire il vero non si tratta di un’acquisizione definitiva, ma di un fitto oneroso da parte della società di Lotito e Mezzaroma, in attesa di una schiarita definitiva della tanto tormentata e travagliata questione “cavalluccio”, anzi per una volta almeno non vogliamo parlare di tribunali, curatori fallimentari e cavilli giudiziari, ma solo ed esclusivamente di una “gradita continuazione” dei 93 anni di storia della “mitica”Salernitana. Un sabato particolare che dovrebbe segnare anche la scomparsa dei tanti  ”inceppati”e di conseguenza il ritorno alla compattezza di una tifoseria tra le più calorose del panorama calcistico nazionale e che non aspetta altro che riprendere a gridare “il potere deve essere granata”e con tanto di cavalluccio, aggiungiamo noi.

 

In attesa di poter dare l’ufficialità di questa importantissima questione, la sortita di Lotito e Mezzaroma in città va inquadrata in un’ottica generale e non solo particolare, infatti deve essere considerata come la tappa di partenza di una stagione che potrebbe riservare ancora tante altre soddisfazioni e di conseguenza proiettare la squadra salernitana sempre più in alto. Va da sé, infatti, che l’aspetto tecnico non può e non deve essere secondario a qualsiasi altra problematica, cavalluccio compreso, in quanto le vittorie si ottengono sul campo e con una squadra forte e competitiva, pertanto bisogna recuperare l’eventuale tempo perduto ed allestire una compagine che possa da subito lottare per un “posto al sole” nel campionato di competenza.

 

In primis è necessario sciogliere il nodo della guida tecnica e magari dare l’ufficialità alla notizia che vuole Nanu Galderisi quale nuovo allenatore della Salernitana(ci permettiamo di chiamarla già così), una scelta,tra l’altro, che potrebbe accontentare una piazza molto competente ed esigente. Altro capitolo importante riguarda la composizione della rosa, partendo ovviamente da qualche riconferma importante di calciatori della passata stagione, tenendo conto anche e soprattutto che alcuni di essi possono fare la differenza anche in campionati professionistici, vedi Biancolino, Mounard, Caputo ed altri, così come potrebbero rivelarsi delle piacevoli realtà i vari Puglisi, Giacinti e Gustavo, fino all’anno scorso dei veri e propri “Carneade”ed ora calciatori dal futuro roseo.

 

Per quanto attiene i nuovi arrivi ed azzardarsi a fare il solito elenco della lavandaia non rientra nella nostra deontologia professionale, in quanto il funambolico Lotito potrebbe smentire tutto e tutti categoricamente presentando al proscenio dell’Arechi calciatori che potrebbero essere di una certa caratura tecnica e professionale, ma anche delle vere e proprie scommesse. Insomma il treno è pronto a partire in un caldo ed assolato sabato di luglio, farà tappa solo nelle stazioni più importanti fino a giungere, senza intoppi, alla mèta prefissa, fare la necessaria fermata per poi riprendere il tragitto che porta sempre più lontano. Auguri Salernitana!!!

 

Leggi anche