UNISA, la risposta del Rettore Tommasetti sui recenti fatti che hanno colpito l’Ateneo

Il Rettore Aurelio Tommasetti parla, attraverso una nota stampa, dello scandalo che ha colpito l’Università di Salerno riguardo presunti concorsi pilotati

Arriva la risposta del Rettore dell’Università degli Studi di Salerno, Aurelio Tommasetti, circa alcuni fatti che hanno colpito l’ateneo riguardo presunti concorsi pilotati.

Gli inquirenti della Procura si sono ritrovati alle prese con alcuni esposti anonimi riportanti i nomi di vincitori di concorsi di cattedra e borse di studio. I fatti riguardano presunte premiazione di parenti di persone che ricoprono ruoli politico-istituzionali nella provincia di Salerno.

In riferimento a tali fatti  il Rettore ha risposto attraverso una nota stampa:

 

In riferimento a quanto pubblicato in data odierna da un noto portale di informazione nazionale, sento l’esigenza di chiarire, a tutela dell’immagine dell’Ateneo, i fatti narrati.

Il 7 novembre scorso abbiamo ricevuto dalla Procura di Nocera la richiesta di acquisizione di atti relativi a 11 posizioni, riferite a bandi per assegni e dottorati di ricerca.

L’Amministrazione, il giorno 18 novembre, ha inviato alla Procura la documentazione richiesta, attingendo la stessa dalle proprie banche dati e chiarendo che, per alcuni dei nominativi indicati, non è stato rinvenuto alcun tipo di rapporto contrattuale con l’Ateneo, né alcuna relativa documentazione.

Tralasciando ogni valutazione sulla circostanza che si tratta di indagini scaturite da esposti anonimi, ribadisco la massima disponibilità, mia e dell’Amministrazione, alla collaborazione con gli organi inquirenti, nella convinzione che, qualora emergessero elementi di irregolarità, l’Ateneo non potrà che trarre beneficio dallo svolgimento dell’attività di indagine. La nostra azione di governo rimane come sempre improntata alla trasparenza, alla difesa del merito, alla tutela dell’Istituzione.