HomeCronacaScafati (SA): la Guardia di Finanza sequestra 2.000 articoli contraffatti e privi...

Scafati (SA): la Guardia di Finanza sequestra 2.000 articoli contraffatti e privi delle indicazioni di sicurezza

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
940,212
Totale Casi Attivi
Updated on 12 August 2022 11:00
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

I baschi verdi della Compagnia di Scafati, nel corso delle quotidiane attività di controllo economico del territorio e di repressione dei traffici illeciti, hanno sequestrato a Scafati  400 prodotti riportanti imitazioni di loghi registrati, oltre a duecento giocattoli privi delle indicazioni di sicurezza e del marchio “CE”.

Nel corso della ricognizione dei locali commerciali sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro amministrativo anche 1.600 prodotti, appartenenti a diverse categorie merceologiche (materiale elettrico e articoli per la casa vari), privi del marchio di conformità “CE”, ovvero delle informazioni minime rivolte ai consumatori e/o non riportate in lingua italiana.

Il titolare dell’attività commerciale, un cittadino cinese di 52 anni, è stato denunciato a piede libero per detenzione ai fini di vendita di prodotti contraffatti e ricettazione (artt. 474 e 648 del c.p.).

Allo stesso sono state anche irrogate le prescritte sanzioni amministrative per la detenzione, ai fini di vendita, dei prodotti privi del marchio “CE” e/o delle indicazioni minime ai consumatori,  per 8.000 euro.

L’attività di servizio è frutto della quotidiana azione di controllo economico del territorio disposta dal Comando Provinciale di Salerno, finalizzata – tra l’altro – anche alla prevenzione e repressione degli illeciti in materia di contraffazione, nonché alla verifica dei requisiti di sicurezza dei beni di consumo, e conferma l’efficienza del presidio economico-finanziario esercitato dal Corpo, finalizzato a tutelare i consumatori finali di tali prodotti, i quali, attratti dal prezzo decisamente inferiore rispetto alle merci “regolari”, potrebbero pagare un “conto” ben più caro, mettendo a rischio la propria salute, nonché il regolare andamento del mercato, attesa la concorrenza sleale che viene ad instaurarsi nei confronti dei commercianti che si approvvigionano di merce regolare a prezzi di costo più alti.