Home Cronaca San Marzano: appartamento in fiamme. L'ordinanza del sindaco

San Marzano: appartamento in fiamme. L’ordinanza del sindaco

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
387,948
Totale Casi Attivi
Updated on 24 February 2021 17:52
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

A San Marzano sul Sarno proseguono le indagini sull’incendio di ieri sera. Nel frattempo il Sindaco Carmela Zuottolo ha disposto lo sgombero dell’edificio

A San Marzano sul Sarno proseguono le indagini dei vigili del fuoco e delle Forze dell’Ordine per fare luce sul drammatico incendio di ieri. Precisamente le fiamme, nella serata, hanno pervaso un appartamento situato in via Turati. La causa del rago sarebbe stata una stufa. Fortunatamente il proprietario è rimasto illeso, mentre i suoi due cani sarebbero morti per esalazioni all’interno dell’abitazione.

Lo sgombero

Come riporta Salerno Today, il sindaco Carmela Zuottolo ha firmato un’ordinanza per interdire l’accesso e l’utilizzo dell’edificio fino al ripristino delle condizioni di abitabilità.  Questo in seguito dovranno essere certificate da un tecnico abilitato. Gli appartamenti e i locali commerciali dello stabile sono nella disponibilità di diciannove persone, ed è stato vietato il transito veicolare e pedonale “nel tratto di strada e di marciapiede antistante l’edificio” nella verticale dell’appartamento in cui si sono sviluppate le fiamme.

“Dovrebbero essere 12 o 13 famiglie che, al momento, non possono accedere nelle loro case – spiega il sindaco – il proprietario della casa del rogo era all’interno dell’abitazione e, fortunatamente, e’ riuscito a venir fuori”. Quanto all’origine del rogo, “sembrerebbe che possa essere stata una stufa”, dice il primo cittadino sottolineando che “l’aria era irrespirabile”. Poi ricorda che “c’erano due persone anziane in isolamento nel loro appartamento vicino a quello incendiato, in attesa del tampone. Sono state ospitate prima da un’ambulanza, e poi mi sono attivata e ho trovato loro una sistemazione presso una casa per anziani, sperando che siano negativi”.