Home Cronaca Salerno, 46enne tenta suicidio e chiama il 112 preoccupato per il cane

Salerno, 46enne tenta suicidio e chiama il 112 preoccupato per il cane

Covid-19

Italia
14,621
Totale Casi Attivi
Updated on 4 July 2020 22:26
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Un uomo di 46 anni tenta di suicidarsi nei pressi della cittadella giudiziaria, a Salerno, e chiama il 112 perché preoccupato per il cane “Billy”

Nella serata di ieri, personale della Polizia di Stato dell’Ufficio Prevenzione Generale – Sezione Volanti, è intervenuto nei pressi della cittadella giudiziaria, in zona Irno, a Salerno, riuscendo ad evitare che un uomo mettesse in pratica la minaccia disuicidarsi.

- Advertisement -

L’uomo, infatti, aveva preannunciato l’intenzione di suicidarsi telefonando al numero
unico d’emergenza 112, senza però dare nessuna indicazione del posto ove si trovava.

L’opera persuasiva del poliziotto, che ha trattenuto al telefono il suo interlocutore, ha consentito di carpire due elementi rilevatisi fondamentali per l’individuazione del luogo. L’interlocutore, infatti, riferiva di volersi lanciare nel fiume affermando di essere solo preoccupato per il cane ‘Billy’, di piccola taglia e di colore bianco, lasciato su una panchina. Le ricerche delle volanti, quindi, si sono estese lungo tutto il corso del fiume Irno.

I poliziotti, dopo brevi ricerche, sono riusciti ad individuare il soggetto in via Unità d’Italia, lungo la struttura della nuova cittadella giudiziaria trovando, su una panchina, un cagnolino corrispondente a quello descritto che abbaiava e, contestualmente,
dall’altra parte della strada un individuo che aveva già scavalcato la ringhiera in ferro per lanciarsi nel vuoto.

La situazione che si presentava agli agenti non consentiva loro di indugiare in un tentativo di mediazione, per cui, senza esitare, hanno raggiunto e bloccato l’uomo, salernitano di anni 46, instaurando un dialogo affinché ponesse fine al suo tentativo estremo di liberarsi dalla stretta dei poliziotti; ma questi, ancoratosi alla ringhiera, non intendeva recedere dal suo intento.

Con l’ausilio di un altro equipaggio, gli agenti hanno sollevato di forza il 46enne per poi condurlo su una panchina, dove personale sanitario del 118, fatto giungere sul posto, gli ha prestato le cure del caso.

I successivi accertamenti hanno consentito di appurare che l’uomo era già seguito da un tutore legale, a cui veniva definitivamente affidato, e che già in passato aveva tentato il suicidio.

LiveZon
zerottonove