Salerno, arriva PickMeApp: la startup per il trasporto intelligente



PickMeApp, Salerno

Questa mattina, a Salerno, è stata presentata la startup innovativa e sostenibile che opera nel campo dei trasporti: PickMeApp. L’idea è nata per le fasce più deboli della popolazione

Salerno sta diventando una città che opera sempre di più nel campo sociale. Questa mattina,infatti, è stata presentata una startup dedita al trasporto pubblico: PickMeApp. L’idea è nata per soddisfare i bisogni delle fasce più “deboli”, come anziani e bambini, vista la difficoltà nello spostarsi nel territorio urbano. Ma ovviamente, tutta la popolazione può usufruire del servizio.

La startup, ovviamente, opera anche nel campo della sostenibilità, con l’intento di ridurre il traffico cittadino.

Il commento dei fondatori Luciana De Fino e Michele Franzese

Vi veniamo a prendere dove volete, vi accompagniamo dove volete“. Così esordisce Luciana De Fino, una delle fondatrici della startup.

Devo ringraziare l’assessore Giordano, l’assessore Savastano, e soprattutto Confartigianato. Grazie a loro Salerno è stata una meta possibile. PickMeApp è una soluzione di spostamento intelligente, pensata per bambini ed anziani, ma che in realtà è adatta a tutta la famiglia. Basta scaricare l’app e creare un profilo, prenotare un servizio, ed una macchina sarà lì“.

Partendo dalla Basilicata, il servizio si è presto trasferito nella città campana.

“Il servizio era già presente a Potenza – spiega il fondatore e responsabile commerciale – Michele Franzesedove l’applicazione ha riscosso un grande successo, con più di 5000 download, e con 2000 utenti che viaggiano in completa tranquillità”.

Su Salerno c’è stata una grandissima accoglienza. In una setimana abbiamo avuto più di 500 richieste di partecipazione, per cui siamo speranzosi che il servizio piaccia“.

Anche il Sindaco Vincenzo Napolif ha lodato l’iniziativa, sviluppata per soddisfare un bene comune:

Facilita la vita delle fasce più deboli. Mi sembra un’app intelligente, con prezzi accesibili. Serve alla gestione della quotidianità“.

 

 

Leggi anche