Salerno, in libertà due parcheggiatori abusivi arrestati a maggio

salerno

Il Tribunale di Salerno ha rimesso in libertà due parcheggiatori coinvolti negli arresti dello scorso maggio. Tra questi c’è anche l’uomo accusato di aver ucciso la cagnolina Chicca

Sono ritornati in libertà due parcheggiatori abusivi, arrestati nel corso del blitz dello scorso maggio: la decisione è stata presa dal Tribunale di Salerno.

Come si apprende dal Mattino, il gip ha definito la loro condotta come occasionale, tale da non poter mantere in essere la misura cautelare. Rimane in piedi la sola accusa di tentativo di estorsione. Nel corso dell’incidente probatorio, le presunte vittime degli abusivi hanno ridimensionato la loro testimonianza, asserendo di non essere stati forzati a versare la somma di denaro.

I due posteggiatori fuori norma erano soliti coprire la zona del Lungomare Colombo, a Pastena. Uno dei due uomini, inoltre, è già stato protagonista delle cronache locali per via dell‘accusa di assassinio della cagnolina Chicca. Quest’ultimo rimane in attesa di un altro processo: è di pochi giorni fa la notizia dell’ultimo slittamento dell’udienza, fissata per il prossimo 14 gennaio 2019.