Salerno: il giudice rigetta la richiesta della Procura, il “Modo” può riaprire



Purple Drank

Il noto locale Modo, chiuso 2 settimane fa per “sovraffollamento,  può riaprire. Il giudice ha infatti respinto la richiesta della Procura, dichiarando venuto meno “il requisito del periculum”

Il locale “Modo”, in via Fratelli Bandiera, attiguo al cinema multisala The Space, riapre i battenti dopo la chiusura avvenuta 13 giorni fa ad opera dei Nas per sovraffollamento’-

ll noto ristorante era stato chiuso lo scorso 11 novembre, in seguito ad un blitz dei carabinieri del Nas che accertarono la presenza di 446 persone, a fronte di una capienza massima di 200. Il blitz dei Carabinieri scattò in occasione del concerto dei Neri per caso. Secondo i Ieri la decisione del giudice per le indagini preliminari Marilena Albarano di convalidare il provvedimento disposto d’urgenza dai carabinieri ma di rigettare la richiesta della Procura di mantenere i sigilli.Nel decreto di dissequestro si legge come sia venuto meno «il requisito del periculum», “certamente sussistente – si legge nel decreto di dissequestro – al momento del sopralluogo della Pg che legittimamente adottava in via d’urgenza il provvedimento cautelare reale per interrompere l’attività delittuosa“. Così il gip del tribunale ha accolto la tesi difensiva rappresentata dall’avvocato Marco Martello disponendo il dissequestro del Modo.Come scritto da Salerno Today, nel decreto di rigetto della richiesta di sequestro avanzata dal pm, il gip evidenzia anche la circostanza che “il gestore, accortosi della presenza di un numero eccessivo di persone, provvedeva tramite il servizio di sicurezza del locale, ad impedire l’ingresso ad altri avventori giunti per partecipare alla serata danzante”.

“Il locale in oggetto – conclude il gip – è inoltre in possesso di tutte le autorizzazioni per l’esercizio dell’attività principale di ristorazione/bar: all’interno del Modo lavorano inoltre tredici dipendenti che verrebbero penalizzati con il mantenimento del vincolo cautelare reale”.

Leggi anche