Salerno, in città tornano i Mercatini di Natale

Mercatini di Natale

Presentato questa mattina, a Palazzo di Città, l’evento dei Mercatini di Natale a Salerno. Non solo botteghe ma anche il Salotto dell’Artigianato

Tornano a Salerno i Mercatini di Natale. L’inaugurazione avverrà il giorno 8 Dicembre, alle ore 11.00, sul Lungomare cittadino.

80 espositori, artigiani ed hobbisti, apriranno le casette al pubblico, contemporaneamente in due location differenti: Piazza Sant’Agostino, in zona occidentale, e Villa Carrara per la zona orientale della città. Ogni settimana verrà esposto un tema differente: dall’arte presepiale, alla fotografia alla lavorazione del rame, con workshop dove si spiegheranno i processi di ogni attività.

Workshop organizzati in 4 date: 15, 20 e 29 Dicembre e 5 Gennaio, con in programma dibattiti sul credito dell’artigianato, tassazione nell’artigianato, alternanza scuola lavoro e il web.

Sarà una vera e propria chicca, per incentivare tutti i lavori artigianali. – ha commentato l’Assessore al Commercio, Dario LoffredoSi tratterà di un salotto: più arte presepiale, più mercatini veramente natalizi e meno dedicati al beverage e al food. Difatti, solo 22 casette su 80, saranno dedicate ai prodotti alimentari.

Quest’anno abbiamo deciso di dedicarci autonomamente all’organizzazione dell’edizione 2017-2018 per garantire il rispetto delle regole, poiché l’anno scorso, non è andato tutto per il verso giusto. – sostiene Alberto Di Lorenzo, dirigente del Settore Attività Produttive – “Chi partecipa, è stato selezionato per bando pubblico e ci saranno casette dedicate anche agli sponsor: come La Lega del Cane

I mercatini di Natale sono un’ulteriore offerta che inseriamo all’interno del più ampio programma delle Luci d’Artistaconclude il Sindaco di Salerno, Enzo Napoli L’idea che ci siamo posti, consiste nel fatto di fare in modo di destagionalizzare le Luci d’Artista, e a fare in modo che questo evento faccia di Salerno un luogo dove si viene , non solo come tappa di passaggio per arrivare in costiera, a Paestum o Pompei, ma che si venga per restare e trascorrere un periodo di vacanza prolungato“.

adnow
loading...