Salerno, il consigliere Naddeo si dimette da capogruppo di Campania Libera



salerno

“Ritengo che il principio dell’alternanza nella copertura dei ruoli sia espressione massima di Democrazia e consenta, peraltro, una crescita complessiva.” E’ questa una delle motivazioni presentate da Corrado Naddeo in una lettera inviata al sindaco di Salerno Vincenzo Napoli

“Ho lasciato trascorrere qualche giorno dalla fine delle votazioni politiche ma adesso sono pronto a dare rilievo pubblico ad una scelta che, per me, ha un senso ed un valore grande: quello di essere coerente coi propri convincimenti e di incarnarli in atti concreti che possano rendere più solide le basi della Democrazia partecipata.”

Si apre con queste parole il lungo post pubblicato da Corrado Naddeo sul suo profilo Facebook ed avente come finalità la presentazione ufficiale relativa alla sua dimissione  dal ruolo di capogruppo comunale della formazione Campania Libera. 

La decisione è stata accompagnata dalla pubblicazione di una lettera rivolta al sindaco di Salerno Vincenzo Napoli protocollata nella serata di giovedì 1 marzo, ma già resa nota ampiamente un mese fa, e resasi necessaria perchè “a tutti noi è richiesto, a vario titolo, di offrire con grande senso civico almeno una parte del proprio tempo e delle proprie energie a beneficio della Collettività ma senza rimanere attaccati alle posizioni, anzi favorendo spontaneamente l’ingresso di forze nuove (nei diversi ruoli) in modo tale che ad ognuno sia consentito di offrire il proprio contributo per il Buon Governo della nostra Salerno.”

Di seguito è possibile trovare il testo completo della missiva inviata al primo cittadino salernitano:

“Signor Sindaco, quando all’inizio della consiliatura ebbi l’onore di essere indicato dai Colleghi del gruppo Campania Libera (Pasqualina Memoli, Antonio D’Alessio, Felice Santoro) quale Capogruppo, accolsi questa designazione con grande entusiasmo ma ad una condizione che ebbi modo di sottolineare: che il mio incarico si protraesse pro tempore per ¼ della consiliatura, per poi passare la mano, ad intervalli regolari, ai Colleghi di cui sopra.

Questo aspetto, come altri che non sto qui ad elencare, è stato e continua ad essere, alla base del mio comportamento all’interno delle Istituzioni. Nello specifico ritengo che il principio dell’alternanza nella copertura dei Ruoli sia espressione massima di Democrazia e consenta, peraltro, una crescita complessiva che, altrimenti, sarebbe impossibile. Naturalmente in tali processi occorre armonizzare i passaggi garantendo la continuità e questo aspetto non mi sfugge.

Orbene, essendo ormai maturati i tempi e nel rigoroso rispetto di quanto da me fin dall’inizio di questa esperienza programmato, devo necessariamente dare seguito in modo serio e responsabile alle mie determinazioni. Per questo motivo Le comunico formalmente ed ufficialmente che, sostanzialmente ed irrevocabilmente, non sono più il Capogruppo di Campania Libera e che ricoprirò ancora il ruolo unicamente per gli affari correnti e fino a quando (auspicabilmente in tempi brevi) avremo deciso collegialmente all’interno del Gruppo, a chi passare il testimone in ossequio a quanto già da noi deciso in tempi non sospetti.

E’ di tutta evidenza che, durante questo breve periodo, il ruolo ricoperto avrà meramente funzione tecnica, NON POLITICA. Ringrazio Lei e tutti i Colleghi per quanto mi avete consentito di imparare durante questo non breve periodo nel quale ho profuso un impegno volto a dare senso, dignità e valore al compito affidatomi all’interno della Istituzione, cercando, in ogni modo, di rappresentarla in modo autorevole e rispettabile.

In questo periodo storico credo sia fondamentale dare forza alle Istituzioni democratiche che sono, a mio modesto avviso, a forte rischio in termini di credibilità. Il mio impegno è stato, e resta, quello di sostenere tale processo virtuoso che è l’unico in grado di annientare la pericolosa ANTIPOLITICA da troppi, ormai, alimentata in modo scellerato.

Io continuerò nel mio impegno con serietà e responsabilità cercando di non fare mai mancare il contributo alla Amministrazione, nella piena convinzione del valore insostituibile della Sua guida saggia e competente, inclusiva e mai divisiva.”

Leggi anche