Salerno, comune contro i musicisti di strada



A Salerno è lotta dura contro i musicisti ambulanti. Lo dice un comunicato dela polizia municipale, secondo il quale i musicisti in questione, arrecherebbero fastidio ai passanti nel richiedere insistentemente soldi per la loro opera, utilizzando, tra l’altro, strumenti musicali “senza alcuna autorizzazione”. Risultano, quindi, perseguibili al pari dei venditori abusivi, parcheggiatori e da combattere anche per il disturbo della quiete pubblica.

                         20120718-095416.jpg

Dopo la crociata contro i cittadini sorpresi a sversare rifiuti fuori dagli appositi cassonetti con l’operazione “cafoni zero”, con multe e dati personali dei trasgressori pubblicati sul sito del comune, adesso i solerti difensori della “città d’Europa”, rivolgono l’attenzione sui musicisti questuanti, cioè coloro che con la loro musica cercano di guadagnare qualche centesimo. Chiunque sarà sorpreso a svolgere tale attività illecita, potrà incorrere anche in pesanti sanzioni, oltre al sequestro degli strumenti utilizzati. Risulta essere un provvedimento senza precedenti nella nostra città e difficilmente riscontrabile nella altre. A Roma, ad esempio, tale attività non è vietata, ma regolamentata con una normativa del 2011, lo stesso vale per Milano. Altrove, in Europa, quella dei “musici di strada” è considerata una vera e propria arte, da incoraggiare per offrire al turista una divertente ed originale attrattiva, e al passante qualche minuto di piacevole svago.

Leggi anche