Home Salernitana Salernitana, Tutino vede solo granata: "Qui per restare"

Salernitana, Tutino vede solo granata: “Qui per restare”

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
796,849
Totale Casi Attivi
Updated on 23 November 2020 18:47
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag

Voglia e determinazione: Gennaro Tutino vuole lasciare un segno a Salerno per guadagnarsi il riscatto e portare in alto il vessillo granata

Sembra avere le idee chiare, Gennaro Tutino, quando si parla di futuro: “A Salerno c’è un progetto e la società ha creduto in me. Il mio obiettivo è quello di restare qui e di obbligare il direttore al riscatto”.

Il nuovo centravanti granata non ha dubbi e al Guerin Sportivo racconta i suoi primi mesi in maglia granata:

“Sono contento di aver scelto la Salernitana, la trattativa non è stata semplice, ci è voluto tempo. Ma sono contentissimo di aver raggiunto il mio scopo. Io volevo la Salernitana, sono venuto a Salerno per vincere; adesso devo solo pensare a lavorare sodo. Tocca a me”.

Un inizio di campionato pirotecnico, con 3 gol nei primi match, e poi un mese di digiuno: l’obiettivo è quello di riprendere a segnare già dalla gara con la Cremonese:

“Il mio futuro è qui. È stata fatta una buona squadra, l’approccio al campionato è stato ottimo, guardando gara per gara con l’obiettivo di vincere. Con questa mentalità possiamo giocarcela ovunque. Non colloco la Salernitana, né la quoto… solo perché è la squadra più forte, poi sarà sempre il campo a decidere. Ci sarà da combattere ovunque e fino alla fine. La Salernitana è pronta, garantisco io”.

Tutino ha anche espresso un giudizio molto positivo sul suo attuale mister, Fabrizio Castori:

“Mi ha colpito la sua concretezza. Si pensa poco al possesso palla e più all’efficacia di ciò che si fa. Tutto è in funzione del risultato. Il gioco si sviluppa in verticale e questo ci agevola in avanti: abbiamo a disposizione un’infinità di palloni, poca ampiezza e tanta profondità. Castori sa farti lavorare senza essere oppressivo. Crede in quello che fa e sa fartelo capire benissimo. Questo ci permette di andare in campo con delle certezze”.