Salernitana-Cittadella 4-2,i granata ritornano a sorridere all’Arechi grazie ad uno strepitoso Djuric

salernitana
foto: fonte: profilo Facebook ufficiale U.S. Salernitana 1919 - Nicola Ianuale

Nonostante la pioggia incessante, la Salernitana ritorna a sorridere tra le mura di casa. All’Arechi, i granata rimontano il Cittadella di Venturato, conquistando 3 punti decisivi in chiave salvezza

La Salernitana doveva affrontare il Cittadella, una delle squadre più in forma del campionato, in un momento non certo positivo in termini di risultati. Molti davano per spacciati gli uomini di Gregucci, ma i granata hanno messo in campo una forza ed una determinazioni tale da ribaltare il risultato contro i veneti. La partita ha regalato continuamente emozioni, sia da una parte che dall’altra, ed ha mandato al settimo cielo i pochi tifosi accorsi allo Stadio.

Il match comincia nel migliore dei modi, con i granata che si portano in vantaggio grazie alla terza rete consecutiva di Djuric: il centravanti insacca di testa la rete dell’1-0 al 6′, su splendido assist di Casasola. Non passano nemmeno 10′, ed il Cittadella trova subito il pareggio con Moncini: l’attaccante del Cittadella insacca di testa. I veneti non perdono tempo, ed al 19′ raddoppiano grazie al bel gol di Iori.

L’uno-due micidiale sembrava aver “tagliato le gambe” alla Salernitana, ma i granata sono ritornati in campo nella ripresa con una grande determinazione, tale da ribaltare in maniera incredibile il risultato.

Grazie ad uno scatenato Djuric, gli uomini di Gregucci pareggiano i conti al 60′: il bosniaco, sugli sviluppi di un corner, insacca di nuovo di testa nella porta di Paleari. Passanno appena 2′, e Minala trova l’angolino con il piattone destro: l’uomo delle rimonte firma il 3-2 e completa così la rimonta. La squadra di Gregucci è particolarmente ispirata e, soprattutto, scatenata. Ci pensa sempre il solito Djuric a chiudere definitivamente la pratica, con il tap-in vincente che abbatte tutte le speranze dei veneti.

Vittoria importantissima, sia per la salvezza sia per risollevare il morale di una squadra che sta vivendo uno dei peggiori momenti della propria storia. Tre punti fondamentali dai quali ripartire, e ricostruire ciò che sembrava irreparabile. Nonostante la pioggia incessante oggi, a Salerno, è ritornato il sorriso.