Provinciali Avellino, vince Gambacorta con il 50,39% dei voti

A Palazzo Caracciolo i quasi 1300 tra sindaci e consiglieri irpini hanno espresso il voto per le provinciali

Avellino-La riforma Del Rio, in vigore dal 7 aprile del 2014, prevede che a scegliere il presidente della provincia siano i sindaci e i consiglieri comunali. Ieri mattina si sono aperte le urne ad Avellino per votare i due candidati: Paolo Foti, attuale sindaco di Avellino e l’ex assessore provinciale, Mimmo Gambacorta. Alle 12:oo di ieri aveva già votato il 40% degli aventi diritto ed uno dei primi è stato il candidato Gambacorta che afferma: «è la prima volta che tocca ai consiglieri e ai sindaci eleggere direttamente il presidente dell’Ente Provincia – ha detto l’ex assessore provinciale – conto di prendere qualche voto in più sulla seconda scheda, ovvero su quella dell’elezione del presidente, in virtù della campagna porta a porta fatta in queste settimane».

foti provinciali votoUna lotta a due tra centro-sinistra e centro-destra. Per il centro-sinistra, ieri mattina, aveva dichiarato il suo consenso il sindaco di Nusco Ciriaco De Mita. Anche con l’appoggio di De Mita questa mattina gli spogli hanno decretato vincitore Domenico Gambacorta detto Mimmo; quindi vince la parte del centro-destra (Forza Italia e Nuovo Centro Destra) della provincia di Avellino.

A sostegno di Paolo Foti

Lista Partito Democratico
Stefano Farina (Sindaco di Teora)
Pasquale Ricci (Sindaco di San Martina Valle Caudina)
Carlo Grillo (Sindaco di Chianche)
Caterina Lengua (Consigliere comunale Cervinara)
Enrico Montanaro (Sindaco di Baiano)
Sabrina Polcari (Consigliere Comunale di Altavilla Irpina)
Ermando Zoina (Vice sindaco di Montemiletto)
Mirco Iorillo (Sindaco di Montecalvo)
Marcantonio Spera (Consigliere comunale di Grottaminarda)
Agata Tarantino (Assessore comunale di Solofra)
Guglielmo Lepre (Consigliere Comunale di Montoro)
Luigi Tuccia (Vicesindaco di Atripalda)

Lista Alleanza Civica – Irpinia. Bene Comune
Vincenzo Alaia (consigliere provinciale uscente Avella)
Rizzieri Buonopane (consigliere comunale Montella)
Gaetano Cierzo (Consigliere comunale Manocalzati)
Antonio Ferullo (Consigliere comunale Parolise)
Giovanni La Vita (Consigliere comunale Ariano Irpino)
Fenisia Mariconda (Sindaco Santa Lucia di Serino)
Massimiliano Minichiello (Consigliere comunale Montemiletto)
Antonio Petoia (Consigliere comunale Sant’Andrea di Conza)
Ercole Siciliano (Consigliere comunale di Montecalvo)
Angelina Spinelli (Sindaco di Santa Paolina)
Antonio Turtoro (Sindaco di Pietrastornina)
Giovanni Zerola (Consigliere comunale di Tufo)

Lista Davvero
Festa Gianluca (Avellino)
De Nisco Luigi (sindaco di Venticano)
Guerriero Lino (Grottolella)
Zaccaria Sergio (s angelo scala
Beatrice Carbone (Bonito)
Linda Citro (Parolise)

 

A sostegno di Mimmo Gambacorta

Lista Forza Italia
Ferruccio Capone (sindaco di Montella)
Antonio Cione (Caposele)
Gianni Cirignano (Savignano)
Franco Colella (sindaco di San Nicola Baronia)
Girolamo Giaquinto (consigliere comunale di Montoro e assessore provinciale uscente)
Franco Lo Conte (Ariano Irpino, già assessore provinciale)
Fiorita Lombardi (Montemiletto)
Pellegrino Mastrogiacomo (Altavilla I.)
Vincenzo Moschella (Atripalda)
Flavio Petroccione (sindaco di Fontanarosa)
Vincenzo Rufino (assessore al Comune di Pago Vallo Lauro)
Claudio Vittorio (vice sindaco di Rotondi)

Lista Nuovo Centrodestra
Domenico Palumbo (consigliere comunale di Avellino)
Antonio Aurigemma (presidente Consiglio comunale di Monteforte I.)
Michele Brandi (Montella)
Giancarlo Ruggiero (vice sindaco di Mirabellaa)
Luigi D’Avanzo (Avella)
Filomena del Gaizo (sindaco di Contrada)
Carmela Grasso (Ariano I.)
Francesco Garofalo (sindaco di San Sossio)
Francesco Majello (sindaco di S. Angelo a Scala)
Giovanni Romano (Grottaminarda)
Salvatore Vecchia (sindaco di Cassano I.)
Antonietta Polcaro (Montefalcione)

 

In campo anche la lista della Costituente Popolare che fa riferimento all’UdC, i cui riferimenti provinciali non hanno ufficialmente dichiarato il sostegno ad alcun candidato presidente.
Palerio Abate (San Martino Valle Caudina)
Carmine Anzalone (Montefalcione)
Marcello Antonio Arminio (sindaco di Bisaccia)
Luigi D’Angelis (sindaco di Cairano)
Pellegrino De Biase (S. Lucia di Serino)
Angelo Antonio Di Gregorio (Luogosano)
Antonio Iannaccone (Atripalda)
Angelo Ianniciello (assessore a Flumeri)
Sergio Pacia (Moschiano)
Carmine Pacifico (già presidente del Consiglio provinciale)
Ubaldo Taddeo (presidente del Consiglio comunale di Altavilla I.)
Ernani Venuti (Mirabella E., già consigliere provinciale).

 

Queste le liste candidate dei candidati; vince la compagine di Forza Italia e Nuovo Centro Destra che appoggiava Gambacorta che dopo aver appreso il risultato dichiara: «Mi aspettavo questo voto ad Avellino. Pensavo tra i 9 e gli 11 ed è andata come ci aspettavamo. Credo che molti dell’UdC mi hanno votato. Ringrazio tutti, spero con il Consiglio provinciale sia la migliore espressione dei candidati. Ci sarà confronto con tutti, sarò il presidente di tutti». Gambacorta ha vinto soprattutto nelle fasce dove votavano i consiglieri e sindaci con meno di 30000 abitanti; invece, nella fascia di Avellino si riconferma il consenso a Paolo Foti, senza raggiungere il risultato.

 

Totale voto ponderato:
Paolo Foti: 45659
Mimmo Gambacorta: 46448

Fascia A (comuni fino a 3000 abitanti): Foti 333, Gambacorta 317, Nulle 19, Bianche 25.
Fascia B (comuni oltre 3000 e fino a 5000): Foti 118, Gambacorta 128, Nulle 1, Bianche 0.
Fascia C (comuni oltre 5000 abitanti e fino a 10000): Foti 54, Gambacorta 72, Nulle 1, Bianche 0.
Fascia D (comuni oltre 10000 abitanti e fino a 30000): Foti 40, Gambacorta 54, Nulle 1, Bianche 0.
Fascia E (comune Avellino): Foti 22, Gambacorta 10, Nulle 1, Bianche 0.