Provincia e Camera di Commercio di Salerno insieme per proporre nuove strategie di sviluppo del territorio



Le filiere turistiche, dal sanitario al rurale,  al centro delle nuove strategie per la valorizzazione del territorio e l’incremento dei flussi turistici

 Salerno, 20 ottobre 2012 – Presenti all’edizione 2012 del TTG Incontri, (Padiglione: A5) – la Provincia di Salerno e la Camera di Commercio di Salerno hanno puntato i riflettori sul proprio territorio, sulla sua consolidata tradizione turistica e sulle molteplici risorse e richiamano l’attenzione sulle nuove strategie messe a punto per promuoversi e dare così una spinta propulsiva alle sue eccellenze.

 

In quest’ottica, obiettivo della Provincia di Salerno e della Camera di Commercio è, infatti, sostenere iniziative mirate alla valorizzazione del patrimonio paesaggistico, ambientale, enogastronomico e culturale locale, incrementando in tal modo i flussi turistici sia nazionali sia internazionali.

 

Chiave di volta è la realizzazione di un marketing mix flessibile che garantisca non solo l’elaborazione di proposte differenti in base alle reali esigenze delle due grandi sub-aree provinciali ma anche la creazione di pacchetti turistici innovativi rivolti ai mercati internazionali in primis.

 

“La provincia di Salerno ha grosse potenzialità suscettibili di ulteriore espansione – afferma il Presidente della Camera di Commercio di Salerno, dott. Guido Arzano Partendo da questa premessa, l’Ente camerale per il 2013 intende procedere con la strategia volta alla destagionalizzazione dei flussi turistici tramite l’erogazione di contributi a parziale concorso delle spese di organizzazione di viaggi sul nostro territorio in periodi di bassa stagione. In secondo luogo, sarà dato un ulteriore impulso all’ambizioso progetto teso a realizzare un unico distretto turistico che contempli la fascia costiera compresa tra il comune di Pontecagnano-Faiano e Agropoli. Infine, si perseguirà il massimo dell’integrazione possibile tra le eccellenze presenti in provincia nei settori dell’agroalimentare, dell’enogastronomia e del turismo”.

 

 

Presenti al TTG il neo Assessore al Turismo della Provincia di Salerno Dott. Costabile D’Agosto e il Dirigente della Provincia di Salerno Dott. Ciro Castaldo. In particolare l’Assessore al Turismo D’Agosto sottolinea: “Abbiamo avviato un programma che parte dalla conoscenza dei territori per costituire una rete composta dai 158 comuni della provincia. L’obiettivo è mettere in campo un progetto di concerto con tutte le istituzioni, che possa valorizzare al meglio le risorse del territorio. Lo scopo è aumentare la stagionalità, puntando anche sulla formazione. Intendiamo, di pari passo, promuovere su larga scala gli ambiti turistici locali, premiare i cosiddetti “comuni virtuosi” e dare nuova linfa al turismo sostenibile creando legami sempre più forti tra le istituzioni e i privati. In tal modo potremo realizzare il Piano Strategico Provinciale per il Turismo su cui puntiamo moltissimo”.

 

Oggi la Provincia di Salerno gioca la propria partita tra arrivi internazionali e forte identità locale: nel biennio 2010-2011 la Provincia di Salerno ha registrato un +27% di crescita di arrivi e presenze negli hotel di lusso.

 

Articolata tra la Costiera Amalfitana, destinazione dal fascino intramontabile, l’Agro Nocerino Sarnese, la Piana del Sele con le famose vestigia di Paestum e la Costiera Cilentana, l’area della Provincia di Salerno vanta siti archeologici, percorsi artistici, iniziative culturali, parchi, natura e risorse ambientali che vanno valorizzate e potenziate in quanto risorse fondamentali per la crescita della Provincia stessa sul fronte turistico.

 

La Provincia di Salerno è, inoltre, patria indiscussa della Dieta mediterranea, riconosciuta dall’UNESCO patrimonio immateriale dell’umanità e che ha in Pollica la sua capitale.

 

Circa la metà della superficie della Provincia di Salerno è patrimonio UNESCO per l’unicità, la straordinaria bellezza dei suoi luoghi e la biodiversità ambientale: 93 Comuni su 158 sono inseriti nell’elenco del patrimonio Unesco.

Leggi anche