HomeAttualitàPontecagnano, Tavola Rotonda sul tema "Nuove Azioni a favore del Territorio"

Pontecagnano, Tavola Rotonda sul tema “Nuove Azioni a favore del Territorio”

Covid-19
Aggiornamenti

Italia
73,729
Totale Casi Attivi
Updated on 23 October 2021 6:26
37,889FansMi piace
702FollowerSegui
1,500FollowerSegui
250FollowerSegui
980IscrittiIscriviti

Tag
zerottonove.it

È stata proposta e coordinata dall’associazione culturale Avalon una Tavola Rotonda sul tema “Nuove Azioni a favore del Territorio”, presso il Museo Archeologico di Pontecagnano Faiano

[ads1]

Si è tenuta ieri 27 aprile, presso il Museo archeologico di Pontecagnano Faiano, la Tavola rotonda organizzata dall’Associazione culturale Avalon, la quale si occupa di valorizzazione del territorio e delle risorse umane, sul tema “Nuove azioni a favore del territorio”. Scopo dell’incontro, arricchito dall’intervento di alcuni esperti in attività sportivo-ricreative a carattere storico-culturale, è stato quello di illustrare il modus operandi delle associazioni coinvolte ed interfacciarsi con  gli esponenti delle pubbliche amministrazioni.

Ad aprire il dibattito, i ringraziamenti del Presidente dell’Associazione culturale Avalon, Michele D’Elia, il quale ha sottolineato l’importanza di creare  non solo attività per promuovere il territorio, ma anche più occasioni di interscambio con le istituzioni.

pontecagnanoIl moderatore ha perciò passato la parola a Francesco Pastore, Assessore alle politiche sociali e giovanili, e al dott. Luca Coppola, responsabile del Settore V del Comune di Pontecagnano Faiano. Entrambi hanno testimoniato la propria vicinanza al lavoro portato avanti da Avalon e la speranza che altre realtà associative possano emularlo positivamente.

L’associazionismo oggi è il terzo settore, rappresenta la nuova imprenditoria, e deve pertanto basarsi su principi di credibilità ed affidabilità.” Queste le parole del dott. Coppola, che insiste sulla necessità di offrire a giovani preparati la possibilità di mettere le proprie competenze a disposizione del territorio.

Ad intervenire sono stati anche alcuni esponenti dell’ASC, ente di promozione sportiva riconosciuto dal C.O.N.I. . Come affermato dal dott. Ciro Improta, Vice Presidente ASC, si tratta di un ente di recente formazione, in cui viene dato spazio ai giovani e ai loro progetti. Una serie di eventi è già stata programmata nel salernitano, nello specifico ad Agropoli. L’obiettivo, secondo quanto detto dal referente nazionale ASC  dott. Remo Luongo, resta quello di costruire ed espandere il settore outdoor, per coinvolgere le persone in attività all’aperto e sviluppare la sensibilità relazionale. Tra le attività proposte dall’ente vi è in primis il tiro dinamico con l’arco ed altre discipline ad esso collegate; si spazia poi dalle escursioni di trekking al soft air, passando per attività di orienting, survival, rafting e canottaggio. Sono inoltre disponibili corsi di archeologia sperimentale (anche subacquea) ed altri ancora in fase di sviluppo.

Giovanni Maio, referente nazionale di tiro con l’arco nell’ambito dell’ASC, ha sottolineato l’importanza di inserire il dibattito in un contesto storico come quello del museo archeologico. Il tiro con l’arco nasce come disciplina militaresca ed ha una storia millenaria; Maio afferma: “Essere qui sottolinea il legame con un passato che cerchiamo di riproporre!

Altra realtà associativa presente all’incontro è stata quella dell’Associazione di volontariato A.S.A.D. Pegaso. A prendere parola, il Presidente Antonio Sguazzo: “Ci piace la politica del fare per il sociale […] Le associazioni devono servire al territorio per poter aggregare e dare risposte”. ASAD Pegaso si occupa di solidarietà sociale nell’ambito del territorio comunitario, attraverso l’assistenza a disabili ed anziani e la salvaguardia del territorio. Un impegno recentemente premiato con l’approvazione di due progetti di Servizio Civile-Garanzia Giovani ed il riconoscimento, da parte del Ministero della Giustizia, di un attestato di merito per aver recuperato il 70% delle persone accolte con difficoltà e precedenti penali.

pontecagnano faianoPer le conclusioni, il moderatore Michele D’Elia ha lasciato la parola a Vincenzo Quagliano, amministratore della QS & Partners, il quale ha voluto spronare le associazioni a crearsi una storia, un curriculum, per poter crescere non solo nel contesto territoriale di appartenenza. L’amministratore ha inoltre accennato all’opportunità di presentare un bando, nel contesto della politica di genere, per cercare di valorizzare la figura della donna nelle diverse forme di sport.

Il dibattito proposto dall’Associazione Avalon ha visto presenziare inoltre Gina Tomay,  Direttrice del Museo Archeologico di Pontecagnano Faiano, “La compagnia arcieri Doria” ed Angelo De Nicola, caporedattore del mensile di sport e cultura “L’atleta”, che si occupa principalmente di dare spazio a ‘gli altri sport’, spesso messi in secondo piano.

L’incontro ha rappresentato un’opportunità di confronto tra le realtà associative del territorio ed un motivo di interfacciamento con le istituzioni. La speranza, come affermato dal presidente di Avalon, Michele D’Elia, è quella di insistere su questa linea e riproporre in futuro altre tavole rotonde che consentano di rimanere costantemente aggiornati sui prossimi sviluppi.

[ads2]