Pontecagnano, Silvestri abbandona il PSI: parlano Triggiano e Giglio



pontecagnano consiglio comunale

Il partito socialista di Pontecagnano Faiano chiarisce con una nota nota le dimissioni del consigliere Silvestri dal Partito Socialista Italiano

Nelle scorse settimane il consigliere di maggioranza del Comune di Pontecagnano Faiano Raffaele Silvestri si dichiarò indipendente, abbandonando il PSI di cui era capogruppo. Tale decisione fu interpretata da molti come il primo segnale del vacillare della maggioranza consiliare dimostratasi, fino a quel momento, sempre molto unita.

Quest’oggi, tramite una nota del Partito Socialista di Pontecagnano Faiano, il Consigliere Arturo Giglio e l’Assessore Adele Triggiano hanno deciso di rispondere al Consigliere Silvestri.

Come già anticipato durante l’assise comunale dal consigliere comunale Arturo Giglio, la decisione di Silvestri presa in totale autonomia e senza alcun preavviso, non stupisce i dirigenti del partito di Pontecagnano Faiano, in quanto “non si è mai riusciti con lui a fare squadra”.

Triggiano e Giglio spiegano così il loro punto di vista in merito alla situazione creatasi: “Non vogliamo cadere in una becera discussione, magari puntando il dito alla ricerca di un colpevole, anche perché le verità sono sempre suddivise e in politica contano i fatti: il PSI lavorerà senza sosta all’interno della maggioranza Lanzara e si occuperà di ricostruire un partito socialista che possa aggregare ed essere protagonista di una nuova stagione politica. Per noi la politica è passione, è allargare il campo per coinvolgere i cittadini, operai, mamme, imprenditori che devono partecipare attivamente e dare il loro contributo. Ci occuperemo di questo senza entrare in polemiche che non sono utili alla nostra maggioranza, meglio fare squadra e collaborare che isolarsi nel proprio narcisismo. Ci sentiamo di fare i nostri più sinceri auguri al consigliere comunale Silvestri con l’auspicio che sia chiaro anche a lui che ci sono differenze tra il ruolo del consigliere comunale, quello del Sindaco, quello della giunta e quello della coalizione fatta da partiti e movimenti.”

 

Leggi anche