Pontecagnano, comitato cittadino diffida il Presidente del consiglio



Pontecagnano, diffida prefetto presidente
Foto da Google Maps

Il Comitato cittadino “Difendiamo la nostra città dalla monnezza” di Pontecagnano Faiano ha diffidato il Presidente del Consiglio Comunale

Diffidato per mancata convocazione del Consiglio Comunale. Ecco cosa è accaduto quest’oggi al Presidente del Consiglio di Pontecagnano Faiano, Dario Vaccaro.

Il comitato cittadino “Difendiamo la nostra città dalla monnezza” ha diffidato il presidente Vaccaro per inadempienza. Proprio oggi infatti, il comitato ha inviato la diffida al Prefetto con lo scopo di fissare una data per il prossimo Consiglio Comunale.

La situazione riguarda la questione rifiuti e impiantistica sul territorio. A tal proposito il Comitato afferma: “In data 8 Novembre 2019 i consiglieri di opposizione hanno protocollato una comunicazione indirizzata al Presidente ed a tutto il consiglio, contenente una mozione per l’avvio della consultazione popolare sulla questione ‘Impianto per il trattamento dei rifiuti nel nostro comune’. Da quella data nulla si è mosso, in piena violazione dell’art. 5 del Regolamento per i referendum comunali che prevede la convocazione entro 30 gg dalla presentazione della mozione e dell’art. 39 comma 2 del T.U.E.L.”.

Ecco che si evincono le cause della diffida e sopratutto l’indignazione da parte del comitato e dei tanti cittadini che continuano a ritenere l’amministrazione attuale “inadempiente” ai propri doveri.

La costituzione del Comitato referendario è il primo passo di un percorso che o attraverso la raccolta firme in città o attraverso l’approvazione a maggioranza qualificata in consiglio comunale, della mozione presentata dai consiglieri di minoranza, porterà la città di Pontecagnano Faiano, a poter scegliere delle sorti del proprio territorio.

Leggi anche