Pasqua amara per dipendenti dei centri commerciali “La Fabbrica” e “Le Cotoniere”

la fabbrica, le cotoniere

Pasqua amara per dipendenti che lavorano all’interno dei centri commerciali “La Fabbrica” e “Le Cotoniere”: per i primi solo 500 euro di acconto, per gli altri nessun bonifico dall’azienda che ha acquisito l’appalto

Pasqua amara per dipendenti che lavorano all’interno dei centri commerciali “La Fabbrica” e “Le Cotoniere”. “Ai lavoratori de “La Fabbrica” i vertici della Copas hanno dato solo 500 euro di acconto, mentre per gli operai attivi a “Le Cotoniere” la nuova società subentrata, la Cizet, non hanno ritenuto di fare nemmeno quello. “Si tratta di una vergogna senza fine“, ha detto Angelo Rispoli, segretario generale della Fiadel provinciale.

Immancabile la stoccata alla famiglia Lettieri, proprietaria dei centri commerciali dove sono impiegati i lavoratori. “Questi imprenditori giocano sul filo degli equivoci e dell’italiano. Dunque ora sarò ancora più chiaro. I lavoratori non dipendono dai Lettieri, che però per questione di opportunità si è rivelato come Ponzio Pilato per restare in tema pasquale. Questi imprenditori hanno ricevuto dal Comune di Salerno l’ok a delle varianti per poter costruire queste strutture. In particolare, su “Le Cotoniere” i patti erano chiari: riconversione dell’area a patto di tutelare i dipendenti. Questo non sta accadendo. Non si tratta di bugie, poiché è tutto suffragato dagli atti. Adesso la famiglia Lettieri, con i potenti mezzi economici, può zittire le voci dei sindacati continuando a pagare migliaia di euro di pubblicità ai mezzi di informazione in cambio del silenzio sulle questioni sindacali che, seppur non li riguardano personalmente per un gioco poco deontologico su società e gestioni, lo pongono agli occhi dell’opinione pubblica come una persona che non ha rispettato i patti che ha preso con esponenti di una pubblica amministrazione come il Comune di Salerno e dunque dello Stato. Niente di illegale, ci mancherebbe. Ma così si dimostra che a vincere è sempre il più forte e i deboli sono costretti a soccombere“.