Musicateneo, il resoconto della prima audition al 900



La prima serata di audizioni del contest Musicateneo ha visto sul palco del disco-pub 900 quattro esibizioni. I giudici hanno valutato due soliste e due band

Nella serata di ieri è iniziata la prima sessione di audizioni al locale 900 di Fisciano. A presentare l’evento è stato Davide Emanuele Zinna, organizzatore e anima del contest Musicateneo, attualmente alla sua prima edizione. Lo showman ha quindi presentato i quattro giudici: Antonella Gigantino, sensuale voce dei Vidra e vera e propria regina della serata grazie alla naturale schiettezza utilizzata nell’esprimere commenti anche critici sui vari concorrenti, Fabio Raiola, strumentista jazz, Francesco Celetta e Paolo Maggio, collaboratori per il giornale online Zerottonove.it.

Alla prima tornata di audizioni vi sono 2 cantanti soliste. Si tratta di Adriana Mazzariello e di sua sorella Alessia. Le due ragazze suscitano grande curiosità e si presentano come il potenziale “caso” del contest. Sarà difficile dire chi delle due andrà più avanti in questa gara. Adriana, la più giovane, ha portato due brani storici del cantautorato italiano: “Portami via” di Mina e “Se stasera sono qui” di Luigi Tenco. Da qui si fa presto a spostarsi al soul della sorella maggiore che ha cantato 3 pezzi abbastanza complessi dal punto di vista tecnico quali “I put a spell on you” di Annie Lennox, “Rehab” della britannica Amy Winehouse e “Human” di Rory Graham.

Le ultime due esibizioni hanno visto sul palco due band molto diverse l’una dall’altra.  La prima, Marco Mariconda e le sequenze, ha portato ben quattro pezzi di cui due inediti “Così labile” e “Non mi sembra di capire”. Palese l’influenza dei Tiromancino sulla band che ha successivamente eseguito due cover proprio del suddetto gruppo italiano, “Immagini che lasciano il segno” e “È necessario”.

La sorpresa della serata è stata la coreografia del gruppo dance-pop “No fairies allowed” che ha reso l’atmosfera più elettrica. La coreografia è stata costruita sull’inedito “Plastic Heart”, mentre le cover hanno spaziato da “My immortal” degli Evanescence a “Team” di Iggy Azalea.

La serata al 900 è  stata caratterizzata da ilarità e divertimento, grazie alla battuta sempre pronta di Zinna e ai simpatici siparietti del trio Giagantino-Celetta-Maggio, attori di un format divertente e leggero. “Le prossime serate – annuncia l’organizzatore Zinna – “saranno ancora di più all’insegna del rock. Ci sarà solo da divertirsi.”

 

 

Leggi anche