Mercato San Severino, ecco il regolamentato l’affidamento delle strutture comunali

mercato san severino

Il Consiglio Comunale di Mercato San Severino ha approvato il regolamento per l’affidamento in gestione delle strutture comunali

Nella seduta dello scorso 18 dicembre 2018 il Consiglio Comunale di Mercato San Severino ha approvato il regolamento per l’affidamento della gestione delle strutture comunali destinate ad attività sportive, sociali, ricreative e culturali. Il testo è composto  da venticinque  articoli.

Né da notizia l’assessore comunale delegato di Mercato San Severino, Giuseppe Albano.

L’obiettivo del regolamento – prosegue – è promuovere e potenziare l’attività sportiva, sociale, culturale ed aggregativa, valorizzando tutte le forme associative operanti sul territorio, al fine di creare un coordinamento tra le attività e i progetti del comune e quelli delle associazioni”.

L’affidamento, tramite procedura ad evidenza pubblica, prevede una serie di criteri: per la concessione per uso a tempo determinato verrà fatta una distinzione tra concessione di strutture per attività sportive  e  per attività socio culturali. Nel primo caso ci dovrà essere un’offerta tecnica ed una economica, nel secondo verrà valutato in primis il curriculum dell’attività esercitata dall’associazione e la concessione avverrà senza alcun corrispettivo economico, perché l’assegnatario  si farà carico dei per la gestione ed il mantenimento della struttura. Per l’uso occasionale si seguiranno altri criteri. Per tutti i casi sarà titolo preferenziale l’iscrizione nell’albo comunale delle associazioni. Per venire incontro alle esigenze delle associazioni, nel caso in cui ad uno stesso immobile siano interessati più soggetti, sarà redatto un regolamento di civile convivenza, così da consentire a più di una associazione di avere dei punti di incontro e di riferimento”.

La manutenzione degli immobili sia ordinaria che straordinaria è posta a carico dell’affidatario. La durata dell’affidamento non potrà superare i cinque anni, che potranno essere elevati fino a tredici qualora siano necessari lavori di ripristino e, a seguito di computo metrico redatto dagli uffici comunali, l’ammontare dei lavori sia di importo rilevante. Sarà in capo al gestore la responsabilità civile, penale ed amministrativa per fatti o eventi dannosi o lesivi di terzi che derivino dall’esercizio dell’attività svolta o dalla conduzione dell’immobile. Le tariffe saranno determinate dalla Giunta Comunale, sia per la concessione a tempo determinato che per uso occasionale. È ammessa la gratuità d’uso dei locali, per la concessione ad uso occasionale, qualora l’iniziativa che si deve svolgere sia accompagnata dal patrocinio dell’ente o abbia ad oggetto manifestazioni di significativa rilevanza sociale e/o culturale. Inoltre è prevista la gratuità per le istituzioni scolastiche e per le manifestazioni politiche solo ed esclusivamente nel periodo di campagna elettorale”.